Archivio mensile:febbraio 2016

Contratto di schiavitù,

Contratto di schiavitù,

L’astensionismo è il cancro che sta uccidendo il Paese, impedendogli con il suo dichiarato aventinismo di cambiare la sputtanata classe politica!…    Il problema è molto più serio di quanto si possa credere, l’astensionismo esprime l’impossibilità dell’uomo dl sottrarsi al “Contratto di schiavitù”!                                                                                   Che si perfeziona nel momento in cui ci si assoggetta all’arbitrio degli altri!                                                                                                               Non è quindi la sua razionalità che lo pone nella condizione di schiavitù, ma molto più semplicemente la sua struttura cromosomica.

Il grande biologo Conrad Lorenz nei suoi studi di etologia spiega, fra l’altro, il comportamento dei cani domestici.                                                                      Questi si sono ormai adattati a vivere, in un certo senso, quali schiavi dell’uomo. Il loro attaccamento al padrone che riconoscono e adottano, fin da cuccioli, come “capo branco”, come loro dio, affonda le radici nel comportamento gerarchico degli antenati della specie.

Comportamento ancor oggi riscontrabile fra i lupi e altri selvatici.                             Il rapporto gerarchico non riguarda soltanto i cani.                                                       Anche l’uomo si sente a suo agio e protetto nel gruppo, in altri termini nel proprio branco che, come per i cani, prefigura sempre la presenza di un membro dominante.

Questo rapporto cane-padrone che un altro etologo, Desmond Morris, chiama “contratto animale”, talvolta diviene intollerabile per il cane che è sottoposto ad uno sfruttamento eccessivo.                                                                                         Gli animali che noi chiamiamo eufemisticamente “domestici” (per non dire dei selvatici) sono, nella generalità, sottoposti a differenti gradi di schiavitù e, spesso, alla morte non solo per scopi alimentari.

Le cruente lotte fra cani, fra galli per scommessa, bastano come citazione.             Schiavitù dunque inflitta o subita.                                                                               Retaggio di un’antica esperienza che sopravvive nei nostri cromosomi. Razza umana, stirpe di schiavisti e di schiavi.                                                                     Soprattutto schiavi per antica eredità e per moderna incapacità di usare in modo appropriato l’intelletto.

La condizione di schiavitù è talmente radicata nella natura dell’uomo che, ancora oggi, più della metà del genere umano non conosce né pratica i principi della democrazia.                                                                                                                       Quelli che li praticano sono costantemente in pericolo di minarne le basi con le loro stesse mani per una tendenza naturale a subire la sferza e lo scudiscio di un padrone.                                                                                                                             Ancora oggi l’istituto della monarchia è considerato una cosa buona e legittima.

L’unica organizzazione umana che funziona sempre a dovere è quella militare. Non a caso, ma per antica tradizione.                                                                     Tradizione che si perde nella notte dei tempi.                                                               Base dell’organizzazione militare sono la disciplina e la gerarchia consolidate e ferree.                                                                                                                       L’uomo militare è felice qualunque posizione occupi. In ogni posizione gli è consentito di comandare ma soprattutto di obbedire.

La maggior parte degli uomini è politicamente pigra e ama prendere decisioni a malapena nell’ambito limitato della sfera familiare, ma non sempre.                       La scarsa partecipazione a riunioni dove sia necessario dare un contributo è illuminante.     Mi riferisco per esempio alle riunioni di condominio dove vige la regola delle deleghe. Si delega per la tendenza a farsi schiavizzare dalle decisioni altrui.

La percentuale di coloro che decidono è terribilmente bassa in ogni attività umana.                                                                                                                            La stessa democrazia offre una rosa molto limitata di candidati alla decisione. Questa è una delle principali cause dell’astensionismo elettorale, piaga comune a tutte le nazioni, dove si esercita il diritto di voto.

La pigrizia e il disinteresse per la cosiddetta “cosa pubblica” evidenziano una tacita aspirazione alla condizione di schiavitù.                                                       Questo subdolo desiderio di schiavitù è un fatto profondamente umano ed è vissuto in modi differenti anche da coloro che si dichiarano uomini liberi e che si dicono liberi come l’aria.                                                                                               Spesso sono schiavi di se stessi e dei propri istinti ingovernabili dall’intelletto.

Ciò dipende dal fatto che prendere decisioni comporta un impegno che mette in moto la mente e costringe a farla lavorare. Ebbene, il lavoro mentale spaventa l’uomo più di qualsiasi altro tipo di lavoro.

La fatica mentale per la maggior parte degli uomini è una cosa insopportabile.   La fatica fisica è un’altra cosa. Consente alla mente di riposare e di rilassarsi. L’uomo è più propenso a spendere le proprie energie nel lavoro fisico, attività sportive incluse, piuttosto che in quelle mentali. Pensare affatica.

L’argomento seguente è delicato e i miei personali condizionamenti religiosi non mi permetteranno probabilmente di esprimermi come vorrei, non per mala volontà, ma per incapacità dichiarata.                                                                             Mi propongo, comunque, di affrontare l’argomento che ritengo centrale per comprendere qual è l’origine dell’innata voglia di subordinazione dell’uomo.

La schiavitù principale dell’uomo deriva dall’ignoranza, o per meglio dire dall’ignoto.                                                                                                                     L’uomo è schiavo della consapevolezza di dover morire.                                             E’ schiavo della voglia di colmare in qualche modo l’angoscioso interrogativo: che c’è dopo?                                                                                                                Un creatore o niente?                                                                                                    Qualsiasi tipo di risposta non è soddisfacente.                                                           Quella metafisica è un surrogato, ivi inclusa la fede in Dio che pure è un formidabile punto di riferimento. L’ateo ha la sua fede altrettanto formidabile.

Fin dalla sua evoluzione com’essere pensante l’uomo si è prostrato, schiavo, tremebondo, in adorazione al sole, alla luna, alle stelle, ai fenomeni naturali più drammatici come i fulmini, i terremoti, le eruzioni vulcaniche, le stagioni e così via.                                                                                                                            Dando un significato alla vita, alla morte e all’aldilà con la venerazione degli “spiriti degli antenati” e, per questo, ha da sempre praticato il culto dei morti.

Pur di colmare il vuoto costituito dall’ignoto l’uomo, nel corso della sua evoluzione, si è inventato una serie infinita d’idoli, dei e d’entità in parte spirituali, con qualità demiurgiche, cui attribuire gli eventi incomprensibili e/o incontrollabili.

La nascita e lo sviluppo delle grandi religioni ne sono stati le conseguenze inevitabili poiché hanno fornito ai credenti oltre agli strumenti della fede anche l’opportunità di condividerla e, conseguentemente, di trovare nella forza derivante dalla condivisione una risposta a eventuali dubbi e la possibilità di vanificarli mediante rituali appropriati.

E’ singolare che anche una religione ateistica come il buddismo abbia tanti seguaci, anche fra chi condivide questa professione con altre fedi religiose e/o animistiche. Dipende, anche in questo caso, dall’inclinazione dell’uomo alla schiavitù. Questo vale anche per il satanismo e per tutte le altre varie correnti religiose e settarismi di multiforme natura.

Alla luce di quanto sopra accennato, occorrerebbe fare alcune considerazioni a proposito del rapporto uomo-religione che ritengo più appropriato chiamare “contratto principale di sottomissione” o più semplicemente “contratto di schiavitù”.                                                                                                               Ovviamente con il termine religione s’intende qualsiasi tipo di professione religiosa o ateistica e ideologica.                                                                                   Il contratto di schiavitù, infatti, lega l’uomo alla sua scelta religiosa e/o ideologica, in modo spesso indissolubile, per tutta la vita, fino alla fine.

Che si tratti di un contratto è fuor di dubbio, anche se i due contraenti sono almeno improbabili.                                                                                                       Da una parte c’è l’uomo in carne e ossa con tutti i suoi problemi esistenziali di sopravvivenza, oltre al desiderio spasmodico di colmare il vuoto dei suoi interrogativi senza risposta.                                                                                     Dall’altra parte c’è la sua immaginazione fertile e creativa che è capace d’inventare qualsiasi cosa in grado di colmare questo vuoto.

In pratica l’uomo stipula un contratto con se stesso.                                                La ragione con l’immaginazione.                                                                        Questo contratto talvolta è diventato strumento diretto e/o indiretto di lutti e rovine.                                                                                                                                 Tale meccanismo perverso continua ai giorni nostri. Il contratto rende l’uomo sottomesso e schiavo delle proprie invenzioni metafisiche e spesso d’ideologie apparentemente razionali e perfette, perfino matematicamente.

La storia e, malauguratamente, anche la cronaca ci offrono innumerevoli esempi dei guasti che possono provocare i contratti di schiavitù se il potere religioso s’impadronisce del potere temporale.                                                               L’inquisizione di Spagna e la recente, mai revocata fatwa, condanna a morte di uno scrittore per bocca di un capo di stato, l’infibulazione, le orribili tradizioni del taglione vigenti in molti paesi cosiddetti civili ne sono un chiaro esempio.

Il contratto di schiavitù governa la maggior parte dei conflitti cruenti dei giorni nostri.                                                                                                                               Ivi inclusi quelli che sono contrabbandati come fatti di terrorismo o di territorialità come, per esempio, in Irlanda, nel recente passato in Libano, nell’ex Jugoslavia, in Cecenia, per non dire nelle cosiddette “pulizie etniche” e così via.                   Del medio Oriente insanguinato se ne parla già troppo.                                               Del terrorismo fondamentalista ne parleremo più avanti cercando di capire come si pone riguardo al contratto di schiavitù.

Le ceneri del Mahatma Ghandi devono fremere d’orrore udendo gli echi delle granate che annunciano un sanguinoso conflitto fra Pakistan e India, comunità che, Lui vivente, non riuscì a riunire sotto uno stesso contratto di schiavitù; contratto che aveva inventato apposta e che si chiamava “non violenza”.

Il contratto di schiavitù più pericoloso è quello che vede il potere temporale coincidere con quello religioso. In questo caso il contratto di schiavitù diviene potere assoluto e indiscutibile, a sostegno dei dogmi che, inevitabilmente, costituiscono parte fondante del contratto di schiavitù religiosa.

Si realizza in tal modo un totalitarismo teocratico sostenuto dalle istituzioni che sono condizionate totalmente dal contratto di schiavitù religiosa.                             Il meccanismo è perfetto dal punto di vista della soddisfazione per la comunità degli aderenti.

Quando l’adesione al sistema è sostanza culturale, ossia automatica per nascita, per lingua e per tradizione non si propone nessun’altra scelta che sarebbe fuori legge e pertanto perseguibile come uno dei delitti più importanti se non il più grave, in assoluto. La comunità è felice.                                                                         Ha un contratto di schiavitù ferreo e inattaccabile.                                        Contratto professato e difeso dalle istituzioni, parte integrante della vita e del costume.                                                                                                                      L’estrema libertà è godere di questa condizione con il massimo dell’indolenza.

Quando un tale tipo di contratto di schiavitù è stipulato con tutti i suoi membri alla nascita e mantenuto vivo dalla cultura durante tutta la vita, ci si può rendere conto delle difficoltà obiettive che esistono per i membri di qualsiasi cultura diversa.                                                                                                                               Questi ultimi avranno serie difficoltà a farsi comprendere e, spesso, accettare com’esseri umani.

Chi è estraneo a quella cultura, infatti, è considerato “diverso” poiché non condivide il “loro” contratto di schiavitù che è considerato come l’unico vero e che, per questo motivo, “deve” essere condiviso.

Coloro che non lo condividono sono considerati infedeli e, come tali, esseri inferiori e perseguibili se non si convertono all’unica vera “schiavitù”.                  Se poi nel contratto di schiavitù esistono indicazioni dogmatiche riguardo agli infedeli, la guerra santa è non soltanto giustificata ma necessaria per cancellare alla radice qualsiasi trasgressione e un eventuale inquinamento del contratto di schiavitù uno, vero, assoluto.

Fondamentalismo è un termine che si propone di spiegare alcuni aspetti del contratto di schiavitù vigente in una data cultura.                                                   Per esempio i fondamentalisti cristiani, in passato, hanno praticato un’inenarrabile serie di violenze contro le persone e le cose, contro le libertà fondamentali, contro il pensiero.

Le cicatrici di quei guasti sono ancora vive nella memoria e argomento di discussione del contratto di schiavitù cristiano (Savonarola, Giordano Bruno). Ancora oggi la civiltà occidentale che, per la maggior parte, si è sviluppata all’ombra del contratto di schiavitù cristiano, soffre di lotte in parte importanti per opera di fondamentalismi di varia specie e origine.

Allorquando il potere religioso del contratto di schiavitù cristiana si è impadronito del potere temporale, in nome di Gesù Cristo se ne sono fatte di tutti i colori.      La lettura del Vangelo, per fortuna, non indica niente riguardo alla gestione della cosa pubblica.

Al contrario, in un preciso momento, Gesù stesso dichiara giusto “dare a Cesare ciò che appartiene a Cesare”. Un implicito riconoscimento dell’autorità politica, un chiaro invito ad evitare contaminazioni fra religione e potere politico.

La mancanza d’indicazioni diverse nei Vangeli ha significato la fortuna e l’ascesa dell’occidente rispetto all’Islam.

A parte il discutibile governo temporale della Chiesa Cattolica per un periodo storicamente circoscritto, l’influenza del cristianesimo, nell’occidente, è rimasta praticamente immutata nel contratto di schiavitù che si riconosce nelle varie correnti e confessioni cristiane.

Nell’Islam le cose sono andate diversamente.                                                               Qui il contratto di schiavitù comprende insieme religione e istituzioni e richiede dedizione assoluta, senza tentennamenti.                                                                   Per i musulmani il Corano non è soltanto un saggio religioso, ma legge spirituale, rivelazione dell’unico Dio vero, Legge di Dio e tutto ciò che comporta l’osservanza assoluta del suo dettato.                                                                                                   Il contratto è definitivo e non ammette rescissione.

Al contrario del cristianesimo che ha sviluppato una complessa liturgia, una macroscopica piramide sacerdotale, innumerevoli comunità religiose, chiese e insediamenti in tutto il mondo occidentale, l’Islam, apparentemente, non ha niente di tutto questo.

Ha mantenuto nel corso dei secoli l’ortodossia più severa nei riguardi dei dettati del Corano.

Le Moschee sono di una semplicità disarmante e sono il luogo dove i fedeli si radunano per pregare il Dio del Corano, semplicemente mediante la recitazione d’alcuni versetti dello stesso.

Nell’islam qualsiasi credente può improvvisarsi, al momento, sacerdote o guida spirituale per la preghiera comune.

Per quanto concerne il proselitismo, l’Islam non ha bisogno di missionari.

Essendo sostanzialmente Legge-Religione assoluta ha il suo formidabile collante nel Corano, e si espande in modo automatico all’interno del suo mondo.

Qui il contratto di schiavitù è un cemento indistruttibile poiché è privo d’elementi di confronto o contaminanti.

Le indicazioni del Corano sono regole perentorie che devono essere osservate alla lettera ma talvolta possono esserci errori d’interpretazione e questo genera il fondamentalismo.

Questo è alla base dei problemi di comunicazione che esistono fra l’occidente e l’Islam.

Il contratto di schiavitù islamico condiziona, infatti, qualsiasi altro tipo di rapporto.

Problemi di comunicazione che, a causa di fondamentalisti senza scrupoli, possono giustificare qualsiasi tipo di violenza che, nel nome d’Allah, è tacitamente accettata o subita da quei membri del contratto indotti a considerarla come cosa lecita e buona, specialmente se questo evoca la “guerra santa”.

Sembrerebbe che non esista alcuna possibilità di dialogo, ma non è esattamente così.                                                                                                                                   L’attacco dell’undici settembre duemila e uno agli Stati Uniti, la concertazione e l’esecuzione di altri precedenti sanguinosi attentati, il coordinamento e lo stillicidio degli attentati suicidi in Israele, attentati d’ogni genere che continuano a tutt’oggi dovunque, sono petali dello stesso fiore micidiale e sembrerebbero confermare una visione pessimistica.

Contro un tal genere di comportamento non è possibile attenersi alle regole del normale vivere civile come lo intendiamo in occidente. D’altro canto il terrorismo fondamentalista islamico, quanto prima, finirà per favorire il costituirsi di un movimento fondamentalista occidentale che, probabilmente, prenderà a modello le medesime regole coraniche del taglione.                                                             Replicare ad ogni azione con un’altra di pari ferocia o peggio.

Qualcosa di simile è già avvenuto fra Israele e Palestina.                                     Fanatismi contrapposti probabilmente non serviranno a risolvere il problema ma ad aggravarlo innescando un conflitto fra civiltà.                                                         Ecco a che cosa può portare il contratto di schiavitù.                                                   Un conflitto Occidente Islam, però, è impensabile nonostante i vigenti contratti di schiavitù.

Per fortuna, assieme agli innumerevoli prodotti della tecnologia, anche qualche alito dello spirito della civiltà occidentale è riuscito a penetrare nel tetragono mondo islamico.                                                                                                               Il problema dunque è essenzialmente politico e sostanzialmente umano.                Il dislivello oggi esistente fra mondo islamico e occidente deve necessariamente essere ridotto fino all’annullamento.

La politica dei paesi islamici deve riappropriarsi delle prerogative dei principi delle libertà fondamentali, dei valori legati alla democrazia, anche se questi principi contrastano, ma non sempre, con il loro contratto di schiavitù religiosa.      Occorre riscrivere il contratto aggiungendo i capitoli mancanti.                               Quelli che hanno permesso l’ascesa della società civile dell’occidente pur con tutti i difetti connessi.

In ogni caso meno schiavitù, maggiore rispetto dell’uomo per se stesso e per i propri simili.                                                                                                                     Qui il discorso dovrebbe aprirsi verso i problemi che affliggono l’umanità sempre in dipendenza dei differenti contratti di schiavitù.                                                      La fame del mondo, innanzi tutto, ché implica una redistribuzione delle risorse e una notevole eliminazione degli sprechi di qualsiasi tipo da chicchessia perpetrati.

Di conseguenza e parallelamente, tutto quello che serve per evitare elemosine momentanee e insignificanti.                                                                                 Insegnare a pescare piuttosto che regalare pesci.                                                         Forse non basta.                                                                                                            La propensione della maggior parte dell’umanità alla sottomissione e la naturale inclinazione a sottrarsi alle decisioni d’interesse sociale, sono il terreno di coltura ideale per l’ascesa di pochi individui autoritari. 

C’è un contratto di schiavitù che solo pochi uomini determinati hanno stipulato con un padrone terribile, assoluto e spesso micidiale.                                                 Il contratto di schiavitù con la violenza, con il potere totale.                                     Questi personaggi che la storia si ostina ad osannare anche se talvolta in negativo, sono stati e continuano ad essere i responsabili più o meno diretti degli eventi più luttuosi che l’umanità abbia subito e che continua a subire fin dagli albori della sua esistenza: le guerre.

Infinite sono le cause che possono determinare una guerra ma il minimo comune denominatore è sempre e solo il morbo della violenza che alberga nell’animo dell’uomo, sia da parte dell’aggressore sia da parte dell’aggredito.                         Guerra significa violenza, prepotenza, prevaricazione, odio, desiderio di sopraffare il più debole, arroganza da una parte, desiderio di vendetta e di ritorsioni adeguate dall’altra.

Naturalmente l’elenco delle motivazioni cosiddette razionali e manifestamente irrazionali potrebbe continuare ma questo non aggiunge né toglie niente al nocciolo del problema.                                                                                                   E’ un fatto che, a posteriori, studiando – come si dice – le carte si può benissimo stabilire che qualsiasi conflitto si sarebbe potuto evitare, e che i risultati del conflitto non hanno dato sostanziali vantaggi al vincitore né considerevoli variazioni delle condizioni dei cosiddetti vinti.

E’ noto, per esempio, che lo sconvolgimento culturale, causato dalle colonizzazioni, dei paesi cosiddetti in via di sviluppo, mentre da una parte avrebbe arricchito l’imperialismo occidentale responsabile di tale sconvolgimento, alla lunga tende a ritorcersi su quello stesso occidente, oggi tecnologico, obbligandolo a una serie infinita d’interventi, per lo più di natura economica che oltre a non risolvere nulla peggiorano ulteriormente la situazione.

Il risultato della violenza e della prepotenza inflitta nel passato a quelle civiltà comprende tutta una serie d’eventi per lo più destabilizzanti fra i quali emerge per la sua drammaticità  la  bomba  demografica  che, alla  fine, come una spietata legge del taglione, esploderà all’interno della cultura occidentale determinandone cambiamenti profondi e radicali.                                                                                      Forse addirittura letali per la stessa civiltà occidentale”moderna”.

Paesi come quelli a regime teocratico o semi-teocratico, l’Africa e l’Asia assetate e affamate, paesi sudamericani in perenne condizione di instabilità economica e politica, alcuni in condizioni di miseria inaccettabile, la Cina con i suoi miliardi di persone da una parte e la cosiddetta civiltà occidentale opulenta dall’altra finiranno prima o poi per scontrarsi in modo sanguinoso e distruttivo a meno che la politica dell’occidente non si proponga seriamente di affrontare globalmente il problema proponendosi di anteporre la fantasia alla stupida violenza.

A. Einstein diceva che “la fantasia è più importante della conoscenza”. E’ un fatto che l’uomo ripete continuamente gli stessi errori e sembra che non tragga nessun insegnamento dagli eventi storici sia lontani sia vicini.

Sembra proprio che l’uomo si accanisca a perfezionare gli strumenti per una sua estinzione prossima ventura che coinvolgerebbe, sfortunatamente, anche tutti gli altri esseri viventi.                                                                                                 Pessimismo?                                                                                                                     Forse non esattamente.

Nei disegni del caos universale l’uomo, alla lunga, potrebbe essere quell’elemento perturbatore capace di determinarne una fine prematura o una modificazione inaccettabile per gli equilibri dell’universo.                                           Non è una fantasia impossibile.                                                                                       L’uomo ha già violato i confini del proprio pianeta, affacciandosi all’infinito.

Considerando la natura dell’uomo e la sua storia, questo fatto è veramente pericoloso.                                                                                                                         Una semplice piccolissima astronave viaggia già oltre i confini del nostro sistema solare e, certamente, il suo percorso non sarà ininfluente negli equilibri dello spazio infinito.

Qualsiasi evento, infatti, interagisce con l’universo tutto nello spazio e nel tempo.

Giovanni La Mantia

 TITOLO: l’Intelletto è una malattia? 

La ragione è il risultato di  un lontano evento patologico?                                                  

Un “salto” evolutivo, causato da un evento traumatico, avrebbe determinato l’ascesa dell’Homo Sapiens”?                                                                                                                                      

 Questomodesto studio risale al dicembre 1992.                                                                          

Si tratta d’idee, ipotesi, ed elucubrazioni trattati in piena libertà. Alla luce della scienza, riguardo alla proposizione principale, non vi sono dati certi e inconfutabili circa l’origine dell’intelletto dell’uomo.                                                                                                                                             Biologia, antropologia e archeologia non hanno prodotto, a tutt’oggi, documenti completi sull’origine dell’uomo la cui filogenesi è ancora confusa e imprecisa.                                       L’unica ipotesi, suffragata dal traballante albero filogenetico costruito finora, è che il “primate” Homo Sapiens discenda da uno o più rami di primati ominidi che, in un certo momento dell’evoluzione darwiniana, per motivi di naturale trasformazione secondo la scienza corrente, comunque ancora oggi ignoti, hanno sviluppato l’intelligenza.                                                             Gli unici primati superiori, oltre l’uomo, giunti oggi al medesimo traguardo della vita sono gli oranghi e due specie di scimpanzé.                                                                                                           E’ singolare che questi nostri “cugini”, pur avendo fatto un percorso evolutivo identico a quello dell’uomo, almeno in termini temporali, non abbiano sviluppato finora che dei rudimenti d’intelligenza e delle insignificanti mutazioni.                                                                                           Caratteri che, in ogni modo, non hanno influito – per esempio – nella crescita e sviluppo della massa cerebrale, delle corde vocali, nello stimolo ad assumere la posizione eretta mediante lo sviluppo del bacino e dei glutei, nella modifica della dieta alimentare ancora essenzialmente vegetariana e scarsa di proteine animali e, soprattutto, nell’incrementare la loro fertilità geneticamente e culturalmente ridotta che li mette a rischio d’estinzione.                                       Lo sviluppo e la diffusione dell’uomo hanno, inoltre, ridotto lo spazio vitale di quelle specie, avviandole inesorabilmente a una scomparsa probabilmente certa.                                                 Ammesso che quest’infausta ipotesi non si avveri, è difficile ipotizzare uno sviluppo intellettivo dei nostri sfortunati “cugini” anche se proiettato in un futuro di qualche milione d’anni a venire. Un futuro nel quale la stessa umanità potrebbe essersi probabilmente estinta.                     Tralasciando per onor di scienza l’ipotesi creazionista, non deve far sorridere quella che il seme dell’intelletto dell’uomo possa essere nato a seguito di un evento straordinario, di natura forse patologica, occorso a un gruppo di primati, intervenendo con violenza sul normale corso evolutivo e creando quell’insieme di premesse che ne hanno permessa l’affermazione come animale superiore fra i superiori.                                                                                                                 I nostri “cugini” primati vengono ancora oggi utilizzati come cavie per esperimenti di ricerca biologica e medica.                                                                                                                                         Orbene, perché non pianificare un programma di ricerca avanzata che si proponga di stimolare su base genetica delle mutazioni che offrano qualcuna delle condizioni che in un lontano passato avviarono la nostra specie verso il dominio della natura.                                                         Aiutare gli oranghi e gli scimpanzé a diventare uomini o almeno a sviluppare un cospicuo quoziente intellettivo?                                                                                                                                     Ecco una proposta di ricerca scientifica che ci potrebbe dare una risposta proprio sul modo in cui i nostri progenitori quadrumani iniziarono a diventare intelligenti.                                                 Un’altra considerazione riguarda il fatto religioso.                                                                           L’ipotesi che l’evoluzione, con o senza “saltus”, abbia determinato il percorso vincente dell’Homo Sapiens-Sapiens non è certamente in accordo con le sacre scritture delle religioni monoteistiche né con le altre confessioni, in generale.                                                                                                       In ogni caso, per un verso o per l’altro, soltanto le religioni hanno una risposta all’uso sconsiderato dell’intelletto dell’uomo: il libero arbitrio, il bene, il male, il maligno e/o i demoni malvagi quali entità in eterna lotta con il bene assoluto, in una parola “metafisica”.                         Le note che seguono, come sopra indicato, sono datate 1992.                                             Conseguentemente i riferimenti di eventi “più recenti” sono compresi in quell’ambito temporale e quei dati dovrebbero essere aggiornati a oggi, compito che lascio ai lettori più attenti.               Il riesame riguarda essenzialmente la forma della stesura del testo e la citazione di J. Diamond e del suo capolavoro “Armi, Acciaio e Malattie” che è posteriore alla stesura originaria.                   In calce a questa pubblicazione è stato aggiunto “Il Contratto di Schiavitù”, considerazioni a proposito delle obiettive difficoltà umane d’impiegare l’intelletto in modo appropriato.               In un certo senso, non fosse che è di molto posteriore a “L’Intelletto”, “Il Contratto di Schiavitù” può essere considerato propedeutico per il testo che lo precede e, forse, dovrebbe essere letto e introdotto nella pubblicazione come prefazione.

…0MISSIS…

G.LaMantia

.

deutschland, deutschland uber alles

Svalutazione competitiva?…                 La Germania ne sa qualcosa!…

La teoria secondo la quale avere una moneta deprezzata è roba ormai fuori moda, combacia con il surrealismo economico professato dai futuristi!…

Se qualsiasi moneta non si potesse svalutare ovvero fluttuare con altre monete, allora la teoria monetaria €uropeista dovrebbe sostenere l’idea di una valuta unica mondiale.

A questo punto, perchè lo Yen si dovrebbe deprezzare come il dollaro, ma non una nostra moneta sovrana nazionale?

La “moralità” del vincolo monetario avrebbe permesso, secondo questi futuristi della porta accanto, solo la fine della svalutazione furba e competitiva: quella del nostro Paese!…

L’unico fatto certo è che l’euro è una moneta artificialmente rivalutata per la nostra economia fatta di piccole e medie imprese, mentre per la Germania la moneta unica è artificialmente svalutata!….. Con gli innegabili vantaggi per le sue esportazioni nei paesi PIIGS (acronimo do Portogallo, Irlanda, Italia Grecia e Spagna).

Grazie all’eurozona i tedeschi si sono liberati da un marco forte, che non era assolutamente competitivo rispetto alle altre monete europee, come: la nostra benamata lira, la pesetas, il franco francese, la dracma, etc…etc…

Pertanto con l’arrivo della moneta unica,questi Paesi del sud Europa si sono ritrovati una moneta troppo rivalutata che ha devastato le loro economie, per non avere più potuto competere sui loro tradizionali mercati causa il conseguente cambio con un Euro, per loro, troppo rivalutato!

 Mentre la Germania, con una moneta fortemente “svalutata”rispetto al marco tedesco, ha potuto trarre enormi benefici economici, valorizzando ancora di più il suo già imponente tessuto industriale fatto da grandi imprese, con il quale si è posizionata come sola ed unica leader europea nelle esportazioni, invadendo prevalentemente i mercati degli altri partner, grazie ad un cambio svalutato rispetto al suo vecchio marco pesante ed a quello che sarebbe stato praticato dai PIIGS!..

Con le regole del gioco truccate, ovviamente a favore della Germania, il surplus commerciale tedesco  ha raggiunto cifre record, pari al 7.4% del suo pil, quindi circa 190 miliardi, superiore a quello cinese del 2013 che si aggirava intorno ai 155 miliardi di euro!

In merito a questi surplus da record, ci si interroga quanto siano da imputare veramente ad una ulteriore dimostrazione di serietà teutonica, piuttosto che ad uno squallido imbroglio di un giocatore di poker dedito a barare!….  O, forse, più che a disonestà, chiamiamola pure furbizia da magliari !…

La Germania, infatti, in aggiunta ai “benefici” discussi acquisisce ulteriori vantaggi dovuti: 

alla più grande svalutazione competitiva della storia grazie al blocco della conseguente inevitabile rivalutazione del cambio,

“rivalutazione” questa che sarebbe avvenuta, nel caso in cui fosse stata costretta a mantenere la sua vecchia moneta nazionale, ovvero, il suo famoso marco pesante!….

Con l’enorme vantaggio di beneficiare di un inimmaginabile surplus delle partite correnti (differenza export -import beni e servizi) superiore a quello cinese, dato che la “vecchia” moneta circolante in Germania sarebbe scambiata sul dollaro a 1.8-2 e non 1,37.                                                                                                                                  

Il paradosso storico, come già detto, è la “ulteriore” svalutazione competitiva prevenendo la rivalutazione del cambio!…

Ai benpensanti, secondo cui “svalutare è scorretto”, andrebbe ricordato  che quando una nazione opera con una sua moneta flessibile ed ha un grande volume di esportazioni “oltre una certa quota di export”, sarà penalizzata da una fisiologica ed inevitabile rivalutazione della sua propria moneta nazionale!

Perchè sia chiaro a tutti – anche ai meno attenti –  si sappia che SE NON ESISTESSE QUESTA DANNATA MONETA UNICA, vigerebbe la normale armonia commerciale tra le nazioni e le loro economie sarebbero regolate dalle tradizionali corrette consuetudini “di mercato” e non da artificiosi bizantinismi, che favoriscono una nazione a detrimento delle altre!

Infatti, le nazioni che importano da un’altra ( i PIIGS), per potere acquistare i prodotti delle nazioni che esportano (la Germania), dovranno giocoforza munirsi (acquistandola) della loro moneta ( il marco tedesco), che comporterebbe una automatica rivalutazione di questa moneta!

A seguito di ciò, la conclamata produttività tedesca, con una sua moneta nazionale rientrerebbe nei canoni della normalità e ne uscirebbe ridimensionata, per non dire penalizzata, per l’inevitabile calo di una artificiosa competività a danno dei paesi (nella fattispecie, i PIIGS) che inizialmente importavano con una loro moneta rivalutata!

Purtroppo, questa mancata alternanza dei cicli commerciali e dei riallineamenti dei cambi, precludendo il fisiologico reciproco recupero di competività, sta gettando l’intero continente nella spazzatura della deflazione e disoccupazione, per l’esistenza di una demenziale, iniqua e disonesta moneta unica che rappresenta uno sciagurato monolite per tutta l’economia europea!

Come avrebbe fatto, quindi la Germania ad evitare tutte queste mine vaganti, che l’avrebbero riportata sulla terra come tutti i mortali?….                           Assai semplicemente!….

Dal momento che esporta principalmente nei Paesi dell’area euro, pertanto, non si verificherebbe alcuna dinamica concorrenziale di domanda ed offerta delle valute, dato che la moneta è una sola, vale a dire l’Euro!….   Sarebbe come se la Lombardia esportasse in Sardegna, quindi senza concorrenza e fluttuazione della moneta tra queste due regioni italiane.

Tornando al confronto con la Cina, il caso tedesco ci dimostra l’anomalia del sistema monetario europeo, il gigante asiatico che ha una moneta flessibile, giustamente non raggiungerebbe mai l’iniquo e furbastro surplus tedesco!

 In teoria, quindi, l’export teutonico verso i Paesi dell’eurozona può continuare anche ad aumentare all’infinito senza che Berlino possa temere una rivalutazione del cambio.

Ma viste le condizioni economiche cui versa il sud Europa, Francia compresa, l’asse dell’export tedesco si sta spostando verso l’Asia e l’America, andando questo caso  incontro alla competizione delle valute  sovrane, regola di mercato che danneggerebbe ancora di più i già disastrati partner europei, mentre alla fine non sarebbe di grande utilità neanche alla Germania stessa che, come il gatto che si morde la coda, imporrebbe chissà quali correttivi a suo favore!….

Quindi, per coloro che: “Svalutare competitivo non è da adulterio”, sappiano che chi è senza peccato, scagli la prima pietra”…

P.S.                                                                                                                                    http://www.laguerradipiero.it/s=LA+VIRTUOSA+GERMANIA                         PROVA  A RACCONTARE COME SIA STATA ATTUATA DALLA  GERMANIA L’ULTERIORE “SVALUTAZIONE COMPETITIVA”, A DANNO DEI PARTNER EUROPEI,  SFORANDO, AL DI LA DELLA DECENZA, IL 3% DI DEFICIT E RIDUCENDO AL DISOTTO DEL 2% L’INFLAZIONE PROGRAMMATA, PARAMETRI RIGOROSAMENTE IMPOSTI DALLE AUTORITA’ EUROPEE!… 

OLTRE ALLA BUNDESBANK, I TEDESCHI HANNO PURE UNA BANCA DI STATO, KFW-BANK, LA CLASSICA CILIEGINA SULLA TORTA, CON LA QUALE DRENANO DAo FORZIERI DELLA BCE TUTTO IL DENARO CHE SERVE, ALLO 0,75% SOLAMENTE, CON IL QUALE FARE TUTTO QUELLO CHE RITENGONO OPPORTUNO, MAGARI, RIFINANZIANDO LE BANCHE TEDESCHE IN SOFFERENZA, PER NON COSTRINGERLE A DERUBARE I CLIENTI!….

MENTRE TUTTI GLI ALTRI POVERI CRISTI, CHE APPARTENGONO AD UN’ALTRA PARROCCHIA, DEBBONO ARRANGIARSI COME POSSONO CON QUEL POCO CHE GLI E’ CONSENTITO INDEBITARSI, CON LE BANCHE USURAIE E SENZA POTERE DECIDERE COME E QUANDO SPENDERE GLI ELEMOSINATI EURO!….

P.s.

Il famoso Professore di Bologna, che ha contribuito alla rovina del nostro Paese, in un’intervista su youtube affermò che prima di MAASTRICHT con l’esistenza della lira, la Germania NON era in surplus e che oggi grazie all’euro è la vera Cina dell’Europa.

I