Archivio mensile:settembre 2016

COSA SCRIVONO DI NOI !….

 

“M5S? Banale chi lo
riduce a populismo”

Parla Massimo Cacciari.                                                                   A cui abbiamo chiesto se quella attraversata dai pentastellati è una crisi o una metamorfosi.
M5S? Banale chi lo riduce a populismo

La morte di Casaleggio, la sfida di Roma e Torino, un nuovo statuto.                                       Quella attraversata dal Movimento 5 stelle nell’ultimo anno è una crisi o solo una metamorfosi, come la definiamo nella copertina che dedichiamo al Movimento, in edicola da domenica?
«Non vedo né una crisi né una metamorfosi.                                                                                       Il Movimento 5 stelle sta semplicemente proseguendo il suo percorso, dritto sulla sua linea. Che è l’unica che può percorrere, peraltro, un movimento dalla natura così composita, che mette insieme diverse culture, diversi orientamenti politici, diverse classi sociali e anche diverse fasce anagrafiche, perché mi dovreste anche spiegare cosa c’entra Beppe Grillo con i suoi giovani attivisti.                                                                                                                                       Niente, ecco cosa.                                                                                                                                         Ma Grillo, che è un prodotto degli anni ’80, un leader un po’ situazionista e anarchico, è riuscito a trovare un collegamento e tenere tutto insieme con questa sorta di religione del web, di cui lui per primo si è dovuto convincere».

Giuliano Ferrara sul Foglio dà una lettura radicale, ma per molti fondata, della crisi romana.                                                                                                                                                       «A Roma», dice l’ex direttore, «non è in crisi solo una sindaca e un’assessora.                       È in stato patologico un intero progetto antipolitico fondato sul pressappochismo, la demagogia, l’inettitudine, l’obliquità, l’uso sbagliato del congiuntivo».                                     C’è del vero?
«Quelle di Ferrara sono le parole di un avversario politico.                                                             Sono banali. Non c’è analisi ma solo demonizzazione, un po’ come quando si accusa il Movimento di populismo».

Che però è sicuramente una cifra del Movimento, peraltro spesso mischiato a una buona dose di bufale. No?
«Ma non è una cifra anche di Renzi quando tira fuori ponti e tredicesime per vincere una campagna elettorale?»

Sono tempi farciti di populismo e retorica, in effetti. Siamo condannati alla semplificazione imperante?
«Lo siamo perché la politica è impotente e si rifugiata nelle frasi fatte.                                     La politica contemporanea ricorre ossessivamente alla retorica, in un modo stucchevole, perché oggi, nel mondo, è difficilissimo impostare una strategia politica complessiva e quindi complessa.                                                                                                                                                       È l’impotenza della politica che genera il populismo e poi l’antipolitica, che non è, come si pensa, l’avversione per questa o quella casta, per i deputati o i consiglieri che rubano.                               Lo è superficialmente, sì, ma in realtà l’antipolitica è la rabbia contro una politica impotente, che non risponde alle domande della gente, che nel frattempo si sono anche moltiplicate».

Che il Movimento 5 stelle sia un movimento antipolitico è però innegabile.
«Lo è perché non ha capito i termini della crisi politica che stiamo vivendo. I 5 stelle non capiscono che intendendo l’antipolitica come anticasta stanno segando lo stesso ramo su cui sono seduti, perché il tema della politica e delle istituzioni impotenti riguarda anche loro. E se ne stanno accorgendo a Roma, ad esempio, dove non poteva che andare così».

Non poteva che andare diversamente il debutto di Virginia Raggi?
«Chiunque a Roma avrebbe combinato quel che sta combinando Raggi, cioè niente.           E la ragione è la stessa per cui a Torino, invece, chiunque se la sarebbe cavata come pare se la stia cavando Appendino.                                                                                                                   È la stessa ragione per cui a Milano Sala avrà vita facile.                                                             La complessità di Roma, e la disfatta della sua elité dirigente, fa uscire fuori tutta l’impotenza della politica».

Che però dovrebbe riuscire a nominare almeno i suoi staff…
«Le difficoltà nella nomina degli staff o nella ricerca di un assessore sono sempre il frutto della natura composita del Movimento.                                                                                          Che ovunque, ma a Roma ancora di più, ha messo insieme anime diversissime.                      Le difficoltà sugli staff altro non sono che difficoltà di sintesi, di sintesi politica tra la destra e la sinistra che si vorrebbero tenere insieme».

http://espresso.repubblica.it/palazzo/2016/10/07/news/che-banalita-accusare-il-movimento-5-stelle-di-populismo-1.285385?ref=HEF_RULLO

Romiti: «Il Paese è da ricostruire

come nel dopoguerra. Movimento
5 Stelle scossa
positiva»

L’ex manager di Fiat: Renzi: poteva fare meglio, ha una squadra non all’altezza.
In guerra facevo di tutto per vivere. Il referendum? Ho quasi deciso

di Aldo Cazzullo
Cesare Romiti (Fotogramma)

Roma con Villa Borghese e il Cupolone è bellissima, vista dalla casa di Cesare Romiti: 93 anni, per oltre 20 alla testa della Fiat; la lotta alle Br, la marcia dei 40 mila, la rivincita del capitalismo. Ma sono altri i pensieri che gli tornano in mente.

«Io durante la guerra la fame l’ho conosciuta.                                                                                           Mio padre era morto nel ’41, mia madre doveva far studiare tre figli.                                                   Un giorno arrivò la voce che in stazione c’era un treno abbandonato carico di farina.               Corsi più veloce che potei, da San Giovanni alla Tiburtina.                                                                     Era vero.                                                                                                                                                         La farina che portai a casa fu accolta come manna.                                                                               Per vivere ho fatto ogni sorta di lavoro, anche i più umili.                                                                       Ma non ne voglio parlare».

Ne parli invece, dottor Romiti.
«No».

 Ce ne dica almeno uno, di quei lavori.

«Stavo già per laurearmi, e dovetti copiare a mano un’infinità di fogli».

Non c’erano le fotocopiatrici.
«La fotocopiatrice ero io».

Che ricordo ha del dopoguerra?
«Un’Italia dura e viva.                                                                                                                                  Una Roma piena di umanità: ero amico di Lella Fabrizi, la sorella di Aldo.                                            Non ci rendevamo conto di vivere un momento eccezionale.                                                             Da brividi.                                                                                                                                                         Avevamo ancora negli occhi la fuga dei tedeschi, l’arrivo degli americani.                                           Tutto appariva possibile.                                                                                                               Sembrava che l’Italia potesse darti qualsiasi cosa le chiedessi».

E ora?
«Ora l’Italia è da ricostruire.                                                                                                                       Come dopo la guerra.                                                                                                                                 Sono molto angosciato per il mio Paese, in particolare per il debito pubblico e la disoccupazione.                                                                                                                                               Manca il lavoro, quindi manca tutto: prospettive, dignità, fiducia.                                                     Fortunati i centomila che sono potuti andare all’estero».

Il Jobs Act non funziona?
«Basta con quell’espressione.                                                                                                                       È una legge italiana; diamole un nome italiano.                                                                                      Chiamiamola riforma del lavoro.                                                                                                                Il governo ha avuto un approccio tutto politico; ma è come comprare una bellissima cornice e non metterci dentro il quadro.                                                                                                                     Tu puoi fare la legge migliore del mondo, e ho qualche dubbio che questa lo sia, però non sarà una legge a creare lavoro.                                                                                                                             La legge può creare le condizioni; ma poi servono investimenti, pubblici e privati».

Con quali soldi? Altre tasse?
«No.                                                                                                                                                                   La ricostruzione deve partire dal basso.                                                                                                 Dai territori, dai paesi, dalla provincia.                                                                                                     Dobbiamo ricostruire l’Italia pezzo a pezzo.                                                                                           Se avessi vent’anni, partirei per Amatrice.                                                                                           Ogni comunità si dia da fare.                                                                                                                       Le scuole cadono a pezzi, i ragazzi devono portarsi i gessetti da casa?                                               Allora coinvolgiamo le famiglie.                                                                                                                     Se chiedi agli italiani uno sforzo per lo Stato, si chiamano fuori.                                                         Ma se chiedi uno sforzo per il loro ospedale, il loro parco, la loro strada, allora rispondono.     Non è possibile che alla prima pioggia i fiumi esondino, la terra frani.                               Ripartiamo da lì: non opere straordinarie; manutenzione del territorio.                                         Così induci la gente a investire i risparmi, paghi salari, fai ripartire la domanda interna».

E il governo cosa deve fare?
«Dare una mano, ad esempio sospendendo le imposte.                                                                        Serve uno scossone.                                                                                                                               L’Italia umiliata dal fascismo e distrutta dalla guerra ebbe il piano Marshall.                                       Ma l’America di oggi non è quella di Roosevelt e Truman; e gli scambi internazionali sono in calo.                                                                                                                                                     Dobbiamo trovare la forza del riscatto dentro noi stessi.                                                                   Mettiamo al lavoro i giovani, i disoccupati, i cassintegrati.                                                                  Facciamo in tutta Italia quel che hanno fatto alle Cinque Terre, ricostruendo la via dell’amore».

Con il tempo diventa romantico anche un duro come lei.
«La vita mi ha costretto a esserlo.                                                                                                                  La Fiat stava morendo.                                                                                                                Sparavano a un caposquadra ogni settimana.                                                                                          Bisognava mettere i violenti fuori dalla fabbrica, tagliare il personale, chiamare i torinesi perbene a salvare l’azienda.                                                                                                                           E i torinesi risposero.                                                                                                                                   Se non l’avessero fatto, oggi la Fiat non ci sarebbe, come non ci sono l’Olivetti e la Montedison. In circostanze eccezionali, gli italiani rispondono».

Marchionne l’ha delusa?
«Non parlo della Fiat.                                                                                                                                Non è più un’azienda italiana.                                                                                                                  Sono stato alla presentazione del libro di Tardelli: abbiamo rievocato un mondo scomparso».

Lei non era romanista?
«Ma accompagnavo volentieri l’Avvocato agli allenamenti a Villar Perosa.                                           Una volta  che un calciatore si era fatto male e stava piangendo. Il Trap si infuriò: “Che vergogna! Un giocatore della Juve non piange!”». 

E Renzi, l’ha delusa?
«Un po’ sì.                                                                                                                                                   Poteva fare meglio.                                                                                                                                       Si è scelto una squadra non all’altezza».

Il governo non le piace?
«A parte qualche eccezione, il livello è insufficiente.                                                                                  E poi nello staff ci sono troppi fiorentini.                                                                                                  Avere un giovane di 39 anni a Palazzo Chigi mi pareva una buona notizia, mi piaceva il suo impegno a visitare ogni settimana una scuola; poi però non l’ha mantenuto.                                   Si dà da fare, se ora accendessimo la tv probabilmente vedremmo Renzi; ma da solo può concludere poco.                                                                                                                                           E poi non doveva dividere il Paese, drammatizzare il referendum.                                                       Certo, la responsabilità è anche dei suoi avversari.                                                                             Restiamo la terra dei guelfi e dei ghibellini.                                                                                            Ma neppure nel 1948 ci siamo lacerati così».

Sta dicendo che questa campagna è più dura di quella che contrappose democristiani e comunisti?
«De Gasperi e Togliatti, al di là di qualche eccesso verbale, si rispettavano.                                         Avevano scritto insieme la Costituzione.                                                                                                   Oggi un referendum sulla riforma della Costituzione viene presentato come il giudizio universale, o se preferisce un derby calcistico.                                                                                       Sento insulti e toni che nel ’48 non si sentivano. Sono tutti ossessionati, prescindono dai contenuti. Invece dobbiamo restare uniti».

Lei come voterà al referendum?
«Glielo dirò quando avrò deciso».

E non ha ancora deciso?
«Quasi».

Chi ha vinto tra Renzi e Zagrebelsky?
«Zagrebelsky diceva le cose giuste.                                                                                                            È uno di contenuto, anche se un po’ noioso.                                                                                           Al pubblico sarà piaciuto di più Renzi, che è bravo a comunicare, a piazzare la battuta».

I Cinque stelle come le sembrano?
«Una forza di cambiamento, di movimento.                                                                                  Eravamo fermi, ci hanno dato una scossa.                                                                                         Vedo aspetti positivi.                                                                                                                                     Infatti, anche se stanno facendo un sacco di errori, non perdono voti; perché dietro hanno la rabbia della gente».

Quando parla di errori pensa alla Raggi?
«La Raggi non concretizza.                                                                                                                             Mi pare una donna un po’ fragile.                                                                                                               Sapeva che avrebbe vinto; si sarebbe dovuta preparare una squadra.                                               Ora dice di aver pulito il centro di Roma in due giorni; ma le periferie?                                               Il problema non è la sua inesperienza; può ancora imparare.                                                               Mi auguro che abbia successo: Roma è la mia città, ha bisogno di rinnovamento».

Lei ha avuto successo come manager, non come imprenditore. Dove ha sbagliato?
«Come capo azienda non guardavo in faccia a nessuno.                                                                   Come imprenditore ho commesso errori di ingenuità.                                                                        Avrei dovuto essere più duro.                                                                                                                  Lo sono stato quando i denari non erano miei; quando erano miei non ho saputo esserlo.            Ma rivendico una cosa: la fondazione Italia-Cina, creata quando tutti mi sparavano contro».

Perché?
«Ricordo un convegno a Lumezzane con Mario Monti: mi dicevano che a causa mia i cinesi avrebbero copiato i loro prodotti. Ora i piccoli imprenditori bresciani esportano in Cina».

Berlusconi è finito?
«Sì. I moderati hanno bisogno di un nuovo punto di riferimento».

Parisi?
«Berlusconi l’ha prima esaltato, poi ridimensionato.                                                                   Personalmente lo trovo interessante».

Salvini come lo trova?
«Non so quanta gente possa portarsi dietro.                                                                                       Invece è brava Giorgia Meloni.                                                                                                                   Le ho parlato l’altro giorno, in sottofondo si sentiva la sua bambina che piangeva».

I moderati potrebbero seguire la Meloni?
«Perché no? Ora che è diventata mamma, mi sembra più moderata pure lei».

http://www.corriere.it/politica/16_ottobre_09/romiti-il-paese-ricostruire-fiat-renzi-referendum-intervista-italiani-84bd692c-8d8f-11e6-9a19-d25a64455d65.shtml

Il M5s non si può più fermare: 
un sondaggio-terremoto, le cifre

Beppe Grillo

DATI CHE PESANO

Sondaggio Pagnoncelli, il M5s non si ferma più: primo partito nonostante Roma e Pizzarotti

L’elettorato del Movimento 5 Stelle regge, nonostante il caos che continua a travolgere la giunta romana di Virginia Raggi.                                                                                                       Regge nonostante le tensioni interne e l’addio – con violente accuse – del sindaco di Parma, Federico Pizzarotti.                                                                                                                                   Primo partito: questo il verdetto del sondaggio di Nando Pagnoncelli, pubblicato dal Corriere della Sera .

Il M5S sorprende e si mantiene al primo posto con il 30,3% dei consensi, stabilizzando la flessione di circa 2 punti registrata dal sondaggio di settembre.                                                           A seguire il Pd con il 29,3% (come a settembre).                                                                               Nel centrodestra continua il testa a testa tra Forza Italia (12,3%) e Lega Nord (12,1%), mentre Fratelli d’Italia si attesta al 5,1%.                                                                                                 Area popolare si conferma al 4,1% e la Sinistra unita (Sel-Si e altre liste), si colloca poco sotto il 5%.

Per quanto riguarda i ballottaggi nell’ipotesi di confronto tra M5S e Pd, ad oggi il primo si affermerebbe con il 56,9% contro il 43,1% dei democrat.                                                                   Qualora il ballottaggio mettesse a confronto il M5S e una lista unica di centrodestra, il vantaggio del primo sarebbe ancora più largo (61,1% a 38,9%).                                                           Da ultimo, il Pd si affermerebbe contro una lista unica di centrodestra (54,5% a 45,5%).

 

Chiara Appendino, schiaffo ai 5 Stelle: “Torino viene prima del Movimento

Chiara Appendino, schiaffo ai 5 Stelle. La frase che fa impazzire Beppe Grillo

Il suo ruolo di sindaco è più importante anche del Movimento: un messaggio chiarissimo, rivolto a Beppe Grillo e al direttorio pentastellato. “Pesa il cliché del Cinquestelle, ma io non mi presento mica con il bazooka. Credo che il senso sabaudo delle istituzioni vada al di là dell’appartenenza partitica”. Parola di Chiara Appendino, sindaco di Torino, che in una intervista alla Stampa, fa il bilancio dei suoi primi cento giorni di governo della città e spiega Torino, appunto, viene prima del M5s. Non esplicito, ma piuttosto lampante, il riferimento alle vicende romane che hanno coinvolto Virginia Raggi, quella Roma dove il Movimento sembra avere la precedenza sulla città.

La Appendino aggiunge che “molti si aspettavano un cambiamento immediato” la verità è che “ci vorrà tempo. Registro però una forte apertura di credito e una grande attesa. Mi sento addosso una triplice responsabilità. Verso la mia città, la mia generazione e il mio movimento. Da me ci si aspetta qualcosa di più perché sono Cinquestelle, perché sono giovane e perché sono donna. Devo sempre dimostrare qualcosa a tutti”.

Ma la Appendino sa anche come mettere a tacere Matteo Renzi con una frase. Dopo l’incontro con lui – “grande cortesia istituzionale” – ha capito che “del referendum potrebbe parlarmi per ore e resteremmo lontani anni luce. Piuttosto continuo a chiedermi: perché uno che parla di rottamazione non ha trovato il modo di intercettare la voglia di cambiamento e ha candidato Fassino a Torino?”.

Tant’è. Lei ora è il primo cittadino, e qui si fermerà. Un futuro da premier è “impossibile”, dichiara. “Alla fine del mandato da sindaca, nel 2021, lascerò l’impegno politico nelle istituzioni. I dieci anni previsti dal nostro regolamento interno”, sottolinea, “sono scaduti. Tornerò al mio lavoro. E magari metterò in cantiere altri figli”. 

Matteo Renzi flirta con Chiara Appendino, pranzo a Torino

 Matteo Renzi flirta con Chiara Appendino, pranzo a Torino

Fino al giorno prima non si sapeva se si sarebbero incontrati. Invece Matteo Renzi e Chiara Appendino non solo si sono visti all’ Unione Industriali di Torino, scambiandosi cortesie istituzionali dal palco.                                                                                                                                 Ma hanno pranzato insieme al ristorante del Grattacielo Intesa Sanpaolo.                                  E con ospiti poco grillini: il presidente e il ceo della banca, Gian Maria Gros-Pietro e Carlo Messina.                                                                                                                                                        «Hai capito i grillini?», si scherza nella cerchia del premier.

Il fatto è che la versione torinese del M5S è quanto di più distante da Virginia Raggi, ma persino da Di Maio o Di Battista.

«L’ incontro», ha detto Appendino alla fine, «è andato bene.                                                               Con il presidente Renzi abbiamo parlato di un patto per Torino immaginando qualcosa per la città sul modello di quello per Milano.                                                                                                         Ora ci lavoreremo anche con il presidente Chiamparino.                                                                     La disponibilità del governo c’è».

Appendino ha capito che ha bisogno del governo.                                                                            Per il Salone del libro, per il secondo tratto della metro.                                                                 «È una democristiana e per me è un complimento», dice Giacomo Portas, leader dei Moderati, pezzo del centrosinistra a Torino.                                                                                                             «A noi, pur nella sconfitta, è andata meglio che ai romani».                                                                 L’ incontro di ieri, però, non è servito solo alla sindaca.                                                                           Il rapporto con Appendino può essere, per Renzi, un lasciapassare per conquistare qualcosa del voto grillino al referendum.

 Tutto serve.                                                                                                                                               Anche recuperare gli amici con cui si era rotto, come Matteo Richetti.                                 Folgorato dalla sua perfomance a Otto e mezzo, Renzi ieri gli ha telefonato, chiedendogli un impegno in prima linea.

di Elisa Calessi

 

REPUBBLICA

“Muraro è pulita?”. “No”. I messaggi che inchiodano Di Maio: sapeva che era indagata

Il vicepresidente della Camera informato da Taverna e Castaldo il 4 agosto.                                      Il giorno stesso parte la campagna dei vertici #siamotutti con Virginia

07 settembre 2016
DA PIÙ di un mese Luigi Di Maio sapeva.                                                                                                 Almeno lui, sapeva tutto dal 4 agosto, quando era stato informato nei dettagli dell’indagine su Paola Muraro.
E quindi anche Di Maio, come la sindaca e l’assessora, mentiva quando sosteneva di non potersi pronunciare sulla vicenda in mancanza di notizie giudiziarie certe.                                                     In quel giovedì 4 agosto sui quotidiani si parlava del caos rifiuti, delle dimissioni del vertice della municipalizzata ambientale e delle ricche consulenze incassate da Muraro, ma il giovane leader pentastellato viene messo a conoscenza di una questione più scottante: l’inchiesta della procura sulla manager a cui Virginia Raggi ha affidato la sfida di ripulire Roma.
A Di Maio le informazioni sono arrivate dai membri del direttorio capitolino, il comitato ristretto che vigila sulle mosse del Campidoglio.                                                                                             Quello che Raggi ha subito avvertito della grana più grande.                                                                 Sono loro ad avere fatto salire la notizia fino al vertice dei Cinquestelle.
E qui bisogna fare i conti con la cronologia nota finora , rivelata dagli stessi protagonisti del lungo silenzio che sgretola la promessa di “legalità e trasparenza” della giunta grillina, sospettata invece di avere peccato in parole, opere e omissioni.
Sappiamo che il 5 settembre, durante l‘audizione della Commissione parlamentare sulle ecomafie, Muraro rivela di essere indagata.                                                                                             La procura ha infatti risposto a una sua istanza sulla base dell’articolo 335 del codice di procedura penale, comunicandole che il 21 aprile scorso, guarda caso la ricorrenza della fondazione di Roma, era stato aperto un fascicolo contro di lei.
Dichiara di averlo saputo il 18 luglio: 47 giorni prima, un mese e mezzo di mutismo.                     Di questo ha discusso subito con la sindaca, che risulta avere fatto due cose.                     Anzitutto si è confrontata con Carla Maria Rainieri, capo di gabinetto ma soprattutto fino a luglio giudice della Corte d’Appello di Milano, che ha sconsigliato Muraro dal presentarsi ai pm.
Poi Raggi affronta l’aspetto politico della vicenda.
Stando alle sue dichiarazioni, comunica la novità solo al direttorio romano.
Si tratta di Paola Taverna, Stefano Vignaroli, Fabio Massimo Castaldo, Gianluca Perilli.
Tutti sostengono di non avere detto nulla a Beppe Grillo.
E anche Davide Casaleggio si è mostrato totalmente all’oscuro.
Ma tacciono pure con il comitato che governa il movimento?
Oltre a Di Maio, è composto da Alessandro Di Battista, Carla Ruocco, Roberto Fico e Carlo Sibilia. Sabato 2 agosto c’è una cena che vede allo stesso tavolo la sindaca, il suo fidato vice Daniele Frongia, il direttorio romano e quello nazionale.
Ruocco e Sibilia hanno dichiarato pubblicamente di non essere stati informati del caso Muraro. Anche Fico dice di non averne saputo nulla.
Ma “Repubblica” è in grado di documentare come almeno il 4 agosto la cabina di regia romana abbia avvertito Di Maio.
Rispondendo a un suo messaggio, Paola Taverna gli scrive che dalla procura è arrivato il documento sulla posizione della Muraro.
“E’ pulito o no?”, chiede il deputato.
E ottiene immediatamente risposta: “Non è pulito”.
Nella stessa data Di Maio ottiene un quadro più preciso.
Glielo trasmette l’altro membro del direttorio romano Fabio Massimo Castaldo, l’eurodeputato con doppia laurea in legge: il reato contestato dai pm alla Muraro è la “fattispecie di cui al comma 4 dell’articolo 256 del Testo unico sull’Ambiente”.
Ossia come chiarisce citando il codice: “L’inosservanza delle prescrizioni o la carenza dei requisiti previsti per legge da parte del gestore” degli impianti per il trattamento dei rifiuti.
A richiesta del deputato, Castaldo non sa precisare se gli addebiti siano relativi alla gestione dello stabilimento Ama di Rocca Cencia o a quello del Salario.
Ma in quel momento Di Maio ha tutti gli elementi per valutare la portata dell’indagine.
Ne discute con gli altri big dei 5Stelle o preferisce tacere?
E’ una domanda fondamentale.
Perché nel primo pomeriggio di quel 4 agosto, quando già è a conoscenza dell’inchiesta, il deputato lancia un tweet: “La nostra colpa a Roma è non avere risolto in venti giorni le emergenze create dai partiti in vent’anni “.
Quelle parole sembrano dettare la linea al Movimento, che pochi minuti dopo prende posizione compatto con l’hashtag #SiamoTuttiConVirginia.
Di Maio, Grillo, Di Battista, Fico, Ruocco, Sibilia si scagliano contro “retroscena e notizie false sui rapporti con Virginia e assessori nel tentativo di screditare l’operato del sindaco e nella speranza (vana) di spaccarci.
Virginia e tutti gli assessori stanno lavorando a testa bassa per restituire ai romani una città pulita, ordinata, funzionante, viva e risolvere i danni lasciati da venti anni di mala politica”.
E accusano “amministratori politici che hanno usato l’azienda pubblica Ama e i soldi dei cittadini per fare i propri porci comodi”.
Ossia proprio le vicende di cui si occupa la procura, che non solo sta rileggendo le intercettazioni tra Salvatore Buzzi, il braccio destro di Carminati nelle speculazioni di Mafia Capitale, e Muraro ma l’ha anche messa sotto accusa per le certificazioni rilasciate agli impianti dei rifiuti, incarico che le ha fatto incassare un milione e 156 mila euro in dodici anni.
Il vertice dei M5S è stato ingannato da Di Maio, spingendolo a una difesa senza se e senza ma di Muraro?
Il giorno dopo il deputato ottiene altre notizie.
Sono quelle che gli aveva promesso Paola Taverna: una mail riassuntiva della situazione giudiziaria.
Anche in questo caso, però, non sembra sia stata condivisa con il resto del direttorio.
Che in quel 5 agosto con una nota ribadisce: “C’è estrema fiducia nei confronti dell’assessore Muraro e del lavoro che sta portando avanti.
Gli attacchi politici che le stanno muovendo dimostrano che è la persona giusta al posto giusto per scardinare il sistema”.
“Persona giusta al posto giusto” un’assessora che in quel momento la sindaca, i leader romani e Di Maio sapevano essere sotto inchiesta proprio per la malagestione dei rifiuti?
Di Maio torna occuparsi della capitale soltanto il primo settembre quando l’ondata di dimissioni fa vacillare il Campidoglio: “Subiremo altri attacchi, perché ci siamo inimicati le lobby dell’acqua, dei rifiuti e delle Olimpiadi”.
L’indomani aggiunge: “A Roma ci sono ancora frattaglie di Mafia Capitale ma la magistratura e i carabinieri stanno continuando a lavorare”.
Certo, omette però il fatto che stanno lavorando anche sul ruolo dell’assessora nella gestione dell’affare rifiuti.
Due giorni dopo, il 4 settembre, l’indagine viene infine rivelata pubblicamente.
Di Maio si trincera dietro una posizione da Prima repubblica, il distinguo cavilloso tra iscrizione sul registro degli indagati e avviso di garanzia. “
A oggi Muraro afferma di non aver ricevuto alcun avviso di garanzia.
Non esistono le carte per poter valutare.
Non faccio dichiarazioni sui se”.
Un maldestro sofisma per cercare un’estrema difesa.
La stessa evocata da Muraro e Raggi per giustificare oltre un mese di menzogne: “Noi abbiamo sempre detto che non è arrivato alcun avviso di garanzia”.
Il peso dei silenzi rischia però di innescare un cortocircuito di falsità.
Come è successo due giorni fa, mentre era ancora in corso l’audizione alla Commissione Ecomafie.
Alle 19.13 viene fatta trapelare sulle agenzie seguente dichiarazione: “Il direttorio ignorava che Muraro fosse indagata, né tantomeno ne era a conoscenza il mini-direttorio “.
Tre ore dopo, a precisa domanda della deputata dem Stella Bianchi, è Raggi stessa a smentire, sostenendo di averne parlato con la regia capitolina.
E adesso sappiamo che anche Di Maio era informato.
Perché tante bugie?
Nessuna spiegazione, solo l’evocazione di complotti.
Di Battista twitta: “Credetemi, gira tutto intorno alle Olimpiadi il loro attacco.
Ovvero l’obiettivo di quei palazzinari che controllano molti giornali e che hanno perso il controllo della Capitale”.
Intanto però ha deciso ieri di sospendere il tour estivo nelle piazze per sostenere il No al referendum.
Così come Di Maio ha scelto di disertare la prima puntata del talk di Rai 3 Politics, nel quale era previsto come ospite principale.
Una fuga dalla verità?

Paola Muraro è la più ricca senza paragoni nella giunta del comune di Roma guidata da Virginia Raggi, e se non ci fosse Paperone Alfio Marchini sarebbe pure la più ricca in Comune.                 La sorpresa arriva dalla sua dichiarazione dei redditi 2016- relativa ai compensi percepiti nel 2015, che l’Assessore all’Ambiente ha ora presentato (è il penultimo della giunta, a parte i due nuovi arrivati, perché manca ancora il modello Unico di Adriano Meloni).

Il suo reddito complessivo ammonta infatti a 221.340, ed è quasi il doppio di quel che veniva raccontato per le consulenze che da molti anni aveva con l’Ama, l’azienda dei rifiuti della capitale che ora come assessore deve vigilare.                                                                                         I compensi percepiti inseriti nella dichiarazione dei redditi della Muraro sono un pizzico più alti, e ammontano a 226.900 euro.                                                                                                                   Ma da quella somma può scalare alcune spese sostenute per la sua attività che era di lavoro autonomo: 5.200 euro di compensi corrisposti a terzi che la aiutavano, un ammortamento di 584 euro per beni acquistati, altri 656 euro di beni consumati, e ancora 827 euro di spese documentate, 129 euro di spese di rappresentanza e 1.462 euro di spese relative agli immobili. Con le altre deduzioni di legge il reddito imponibile ammonta a 192.400 euro, su cui la Muraro ha pagato 75.902 euro di tasse.

Quei soldi incassati con le consulenze non riguardano solo Ama, seguendo il curriculum che l’assessore all’Ambiente ha allegato alla dichiarazione sul sito Internet del comune di Roma.   Nel 2015 infatti risulta che abbia fornito una consulenza anche alla Nespresso “per lo sviluppo della raccolta differenziata dedicata”, e poi avere dato un parere tecnico alla Sav. No di Treviso sul “Rifiuto Urbano Residuo”, oltre ad essere stata nominata nel comitato degli esperti della Gest srl di Perugia “per comprendere e presidiare i comportamenti e i processi aziendali relativi agli impianti di trattamento rifiuti Gesenu-Tsa.                                                                                     Per Ama ci sono stati anche incarichi extra, e probabilmente il più pagato è stato quello di perito di parte nell’arbitrato sul lodo Ama-Colari.                                                                                   La Muraro ha depositato anche la sua dichiarazione patrimoniale, con le case e pertinenze possedute a Roma, Padova e Copparo (Fe) dove possiede anche 13 appezzamenti di terreno fra 601 e 72.300 metri quadrati.

Fra giunta e Comune di Roma per reddito l’assessore all’Ambiente è al secondo posto solo dietro Marchini, che ha dichiarato un reddito complessivo di 685.082 euro.                                     Al terzo posto il candidato sindaco del Pd, Roberto Giachetti (136.745 euro), seguito subito dall’altro candidato sindaco, Giorgia Meloni (99.444 euro) e da Stefano Fassina (99.048 euro). Virginia Raggi è solo al 38° posto della classifica dei redditi, con 24.763 euro, circa un decimo della Muraro.

Franco Bechis

 

Raineri: “Muraro mi disse di essere indagata. Cacciata perché ero contro le irregolarità”

Intervista all’ex capo capo di gabinetto della sindaca di Roma. “Decisi di non firmare la delibera su Romeo”

06 settembre 2016 – Mauro Favale

ROMA – “La verità è che ero “scomoda”, avvertita come un corpo estraneo, come un nemico da abbattere”. Carla Raineri, magistrato di Corte d’Appello, da 6 giorni non è più capo di gabinetto di Virginia Raggi. Ha sbattuto la portadopo un duro confronto con la sindaca di Roma. Che ieri fatto il suo nomedavanti alla commissione Ecomafie.

Lei dice che era scomoda, ma Raggi ieri ha detto che fu un colloquio con lei a rassicurarla sul fatto che il reato contestato all’assessora Muraro era “generico”.
“Da magistrato non comprendo il senso dell’espressione “reato generico”. Muraro venne da me a chiedere un parere sulla sua situazione”.

Cioè?
“Mi disse che aveva saputo di essere indagata e che voleva valutare l’opportunità di andare a parlare con il pm per caldeggiare l’archiviazione. Io la sconsigliai. Ricordo di averle detto subito: “A Milano queste cose non si fanno”. Quindi aggiunsi che si trattava di una mossa controproducente. Se dopo averla ascoltata il pm non avesse archiviato, questo avrebbe aggravato la sua posizione. Al colloquio era presente la sindaca”.

Riavvolgiamo il nastro: quando ha rassegnato le sue dimissioni?
“La sera del 31 agosto. Le ho fatte protocollare la mattina dopo. E finora non mi consta sia stata formalizzata la mia revoca. A meno che non si consideri un atto amministrativo un post su Facebook alle 4 del mattino”.

In quel post si fa riferimento a un parere dell’Autorità anticorruzione che considera illegittima la sua nomina.
“Se l’Anac si ritiene competente sulla materia ne prendo atto. Sono convinta dell’erroneità del parere ma non lo impugnerò. Non ho interesse a difendere il provvedimento di nomina”.

Si è parlato a lungo del suo stipendio da 193.000 euro.
“Non nego fosse elevato. Ma in linea con quanto percepivo da magistrato. In ogni caso, l’ultimo mio atto in Campidoglio contiene la rinuncia a ogni compenso per l’attività svolta dal 22 luglio al 31 agosto. Piuttosto, sa da chi venne determinato il mio stipendio?”.

Da chi?
“Da Salvatore Romeo, capo della segreteria della sindaca. Fu lui a comunicarmi l’emolumento deciso”.

Lo stesso Romeo con il quale si è più volte scontrata in queste settimane?
“La delibera sulla sua nomina non ha il mio visto. E neppure quello di Laura Benente, dirigente capitolina delle Risorse umane. Hanno atteso che andasse in ferie per raccogliere il compiacente visto di un altro dirigente molto legato a Raffaele Marra (vicecapo di gabinetto, ndr). Quel diniego è costato il posto alla Benente, rispedita a Torino senza neanche il preavviso di 8 giorni che si dà ai domestici”.

Per lei la nomina di Romeo non andava bene, perché?
“Non per il suo stipendio triplicato ma per la procedura in sé: Romeo era già dipendente del Campidoglio e non poteva essere posto in aspettativa e contemporanemente riassunto dallo stesso ente”.

Con Raggi ne ha parlato?
“In un duro confronto, il 25 agosto, le dissi che me ne sarei andata se le cose non fossero cambiate. Per me, la presenza dell’ex assessore al BilancioMarcello Minenna era la migliore garanzia della serietà delle intenzioni dei neo-eletti. Ma non si può restare in un luogo di lavoro dove si è avvertiti come una minaccia. Invitai la Raggi a riflettere. Le professionalità in campo non avrebbero avuto problemi nel bypassare personaggi del tutto mediocri: di fatto, però, il duo Marra-Romeo ha continuato a gestire il Campidoglio forte della protezione della Raggi e nell’indifferenza degli altri”.

Anche dei vertici del M5s?
“Loro hanno deciso di non intervenire. O, peggio, non ci sono riusciti”.

Com’era il suo rapporto con Marra?
“Nei mie 45 giorni in Comune non ho avuto mai il piacere di condividere con lui alcuna decisione. Riferiva direttamente al sindaco”.

Ora la sindaca dice di essere vittima dei poteri forti.
“Mi sembra una affermazione ridicola. Se fossimo davvero così forti, non ce ne saremmo semplicemente andati”.

 

M5S a Roma, la missione tradita

 

 

COME E QUANDO, L’ITALIA DOVEVA ENTRARE NELL’EURO

CHI HA DECISO, COME E QUANDO, L’ITALIA DOVEVA ENTRARE NELL’EURO

L’adesione all’ Euro è la conseguenza della adesione allo SME (Sistema Monetario Europeo) del 1979 (Governi Andreotti- Cossiga)

l’Atto Unico Europeo del 1986 (Governo Craxi)

e il Trattato di Maastricht del 1992 (Governi Andreotti-Amato)

Nel 1972 (dopo la decisione di Nixon) alcuni Paesi europei decisero di dar vita ad un sistema di cambi semirigidi, chiamato Serpente Monetario Europeo, in quanto le loro monete potevano oscillare entro determinati margini che le facevano oscillare attorno ad una parità centrale, l’ECU

L’ Italia aderì inizialmente a questa parità centrale, ma ne uscì ‘74 a causa di forti conflitti sociali e la crisi petrolifera che rendevano svantaggioso l’aggancio ad un sistema monetario che avrebbe reso impossibili le riforme del cosiddetto COMPROMESSO STORICO

Le conquiste sociali del Paese avevano anche prodotto una certa erosione dei profitti delle classi capitalistiche che sentono l’esigenza di dotarsi di uno strumento monetario europeo in grado di combattere l’inflazione prodotta a loro dire dalle conquiste sindacali

La sinistra capì bene i rischi della adesione ad una moneta forte. Infatti, il 13 dicembre ’78, il PCI votò contro l’adesione immediata allo Sme

Le modalità di ingresso nell’Euro Comunista ed ex-antieuropeista, Giorgio Naoplitano, oggi in prima fila nella lotta alla sovranità popolare, è stato rocambolescamente rieletto Presidente nel 2013 Giorgio Naoplitano

1981 AVVIENE IL DIVORZIO TRA MINISTERO DEL TESORO E BANCA D’ITALIA CHE VERRA’ SUCCESSIVAMENTE PRIVATIZZATA

FINE DELLA SOVRANITA’ MONETARIA POICHE’ LO STATO SI PRIVA DELLA FACOLTA’ DI EMETTERE LA PROPRIA MONETA E DELEGA UN ORGANO ORA NON PIU’ SOTTO IL CONTROLLO DEL GOVERNO

Ministro del Tesoro nel 1981 approvò la separazione tra Ministero e Banca d’Italia dando inizio alla cessione di sovranità monetaria Beniamino Andreatta

Nel 1986 l’ Atto Unico Europeo stabiliva il prin- cipio della libera circolazione di “persone, merci, servizi e capitali” entro l’Unione Europea

Negli anni ’80 in Italia, finita la politica del compromesso storico, sotto Craxi continuava una moderata crescita

Ma questa crescita era sostenuta da capitali esteri data la stabilità monetaria e dagli alti tassi di interesse che l’Italia pagava sui BOT. Iniziava così la deindustrializzazione italiana

(gli imprenditori iniziarono a spostare parte dei loro investimenti in borsa o Titoli di Stato, a scapito dell’economia reale)

Si parlava di terziarizzazione e di economia dei servizi, e perfino di “terza rivoluzione industriale” IN REALTÀ L’ ITALIA CRESCEVA INDEBITANDOSI SEMPRE DI PIÙ

 Nel frattempo il tasso di inflazione italiano restava superiore a quello dei principali concorrenti europei, specie la Germania, quindi l’ Italia perdeva competitività.                        Ma ora non era possibile compensarla con la svalutazione della Lira ”

1990, i capitali poterono liberamente muoversi alla ricerca di paesi più convenienti. La Banca d’ Italia perse la facoltà di imporre misure sui movimenti di capitali.

L’ ITALIA FU SOTTOPOSTA ANCHE ALLA FUGA SPECULATIVA DI CAPITALI ”

 IL FIGHT CLUB ITALIANO                                                                                                                      1992 MANI PULITE FA’ FUORI IN UN COLPO SOLO I POLITICI piu’ obsoleti, inutili alla finanza (e spendaccioni) della ‘Prima Repubblica’                                                                                                  Addio alla spesa pubblica (produttiva e non) e avanti con i servi dei capitali al posto di coloro che ubbidivano solo ai propri interessi ed ai partiti senza spartire con chi comanda davvero, cioé la finanza

(EFFETTI COLLATERALI –                                                                                                                           Gli esponenti della sinistra che ci hanno trascinati ed incatenati all’Euro rimasero intoccati esatta- mente come oggi accade di nuovo con casi di corruzione, finanzia- menti neri, cassieri che scappano con la cassa del partito senza che i leaders ne sappiano nulla e MPS)

1992 – dopo aver privatizzato Bankitalia (Ciampi Governatore Banca d’Italia)                       GIULIANO AMATO fa uscire l’Italia dallo SME svalutando di circa il 25% rispetto al marco.

INIZIA LA MODA DELLE PRIVATIZZAZIONI!....

(Giuliano Amato, detto il Cassiere di Craxi, esce “miracolosa- mente” illeso dall’inchiesta “Mani pulite” e diventa Presidente del Consiglio (apperò!) privatizza Bankitalia, tassa, preleva di notte e privatizza. Viene candidato alla presidenza della Repubblica nel 2013)

“Nonostante ciò i governi di allora decisero di continuare nell’integrazione europea ”

Governatore della Banca d’Italia ai tempi in cui, Carlo Azeglio Ciampi forzò l’ingresso dell’Italia nell’Euro, poi Presidente della Repubblica, ruolo di garante fu tra i primi a vendere l’Italia a Banche e Mercati

“1° NOVEMBRE 1993 ENTRA IN VIGORE TRATTATO DI MAASTRICHT ” 

Dettava le condizioni per trasformare la Comunità Economica Europea (CEE) (da allora denominata Unione Europea) in una unione monetaria

Stabiliva vincoli rigidi per i Paesi che vi avrebbero aderito

Inizialmente l’economia italiana si riprese dal crollo del tasso di cambio ma a costo di pesanti SACRIFICI

 Il governo Amato praticò una durissima restrizione fiscale (93.000 miliardi di lire di allora, il più grande aumento di tasse della storia italiana in termini reali)

 Il Governo abolì la “scala mobile” ”

” Il Governo prelevò d’autorità (e di notte) l’1,5% dei depositi bancari  

1997 – entra in vigore la legge TREU entra in vigore il precariato                                                  Il lavoro interinale, precedentemente vietato dalla legge 23 ottobre 1960, n. 1369 (“Divieto di intermediazione ed interposizione nelle prestazioni di lavoro e nuova disciplina dell’impiego di mano d’opera negli appalti di opere e di servizi”), entra a far parte dell’ordinamento italiano del lavoro con questa legge

1999 – Governo Prodi grazie anche allaTassa per l’ Europa” garantisce l’adesione alla PARITÀ “IRREVERSIBILE”

(Romano Prodi, al secolo “mortadella” è stato due volte capo del Governo e truccò i conti per farci entrare nell’Euro. Oggi, uffi- cialmente docente all’Università di Pechino, è alle dipendenze di DaGong presso il quale svolge il compito di consigliere sullo shopping dei gioielli italiani)

L’ULTIMO ATTO CONTRO MOVIMENTI NO-GLOBAL

2001al G8 DI GENOVA il ‘sistema’ dà l’ultima spallata ai movimenti no-global spegnendo nella violenza la rivolta di piazza contro le CORPORATIONS e sperimentando nuove strategie di ingaggio anti-sommossa. E’ l’ultimo atto delle politiche globalizzatrici nonché dimostrazione/avvertimento all’opinione pubblica

2007 il Trattato di Velsen sancisce la nascita di EUROGENDFOR, la gendarmeria europea con super-poteri con quartier generale a Vicenza

2003 Entra in vigore la legge Biagi (detta anche dei CALL CENTER che formalmente dovrebbe chiamarsi legge Maroni)

COME VIENE RIPAGATO IL LAVORO DEI SINDACATI CHE COLLABORANO ALLO SPIANAMENTO DELLA STRADA DELLA SVENDITA DEI DIRITTTI DEI LAVORATORI

Fausto Bertinotti – sindacalista CGIL e iscritto al PSI, PSIUP, PCI, PDS e PRC Presidente della Camera dei Deputati (2006 – 2008) È stato segretario del Partito della Rifondazione Comunista (1994 – 2006)

Franco Marini – segretario genera- le della CISL presidente del Senato, ministro del Lavoro, segretario del Partito Popolare Italiano, parlamentare europeo e candidato a Presidente della Repubblica nel 2013

Guglielmo Epifani – Segretario generale della CGIL (2002 – 2010) dal 2013 è il segretario del PD

Sergio D’Antoni dalla dalla CISL all’UDC e successivamente al PD

Sergio Cofferati – dalla CGIL a sindaco di Bologna e Parlamento europeo per il PD

Ottaviano Del Turco – sindacalista area PSI, FIOM e CGIL ministro della Repubblica (2000-2001) e presidente della Regione Abruzzo (2005-2008) membro della direzione nazionale del PD

 ATTUALE SMISTAMENTO DEI SINDACALISTI:                                                                                         53 in Parlamento                                                                                                                                          27 in Senato                                                                                                                                                6.000 sindacalisti all’INPS più quelli negli enti locali  

Massimo D’Alema dopo aver tolto la separazione tra banche di investimento da quelle di mero deposito firma assieme a Prodi il trattato di Lisbona.                                                                  E’ il 2007

(Manovratore di PSD, Ulivo ed oggi del PD, Massimo D’Alema presidente della Bicamerale e del Copasir fu firmatario dei trattati europei che vincolano l’Italia all’austerity assieme a Romano Prodi)

“2002 – Con il Governo Berlusconi comincia la circolazione, anche in Italia, dell’EURO, la nuova moneta europea ”overno Berlusconi

 Immediato aumento dei prezzi

Netta riduzione del valore reale di salari e stipendi

 L’ Italia accetta un cambio “Euro-Lira” molto penalizzante e perde ogni possibilità di riequilibrare i propri conti con l’estero e rilanciare la propria economia attraverso la svalutazione

L’Italia aderisce ad un sistema in cui il criterio unico per valutare la performance di un Paese è la valutazione dei mercati finanziari

UN SISTEMA DI DITTATURA DELLA FINANZA

 EURO-EFFETTI SULL’ ECONOMIA REALE ITALIANA                                                      Peggioramento delle ragioni di scambio internazionali (ovvero il prezzo di un bene italiano espresso nella valuta di un paese estero) I beni stranieri hanno soppiantato le produzioni italiane per il semplice motivo CHE COSTAVANO MENO                                                                 Bolla creditizia e il proliferare di nuove banche e società finanziarie (perlopiù straniere) che offrivano “prestiti facili”

E’ proliferato anche il credito al consumo, ovvero l’offerta di acquisti a rate anche per beni dal valore “relativamente basso”

In Germania l’inflazione era più bassa, ovvero tutti i prezzi erano più bassi compreso il “prezzo del tempo”, ovvero il tasso d’interesse sui prestiti

Aumenta il debito estero privato, ovvero una specie di fuga di liquidità verso l’estero in cambio dell’importazione di credito (per l’acquisto di beni)

http://www.roger99.com/download/Kit_demo_1.pdf