Archivio della categoria: Politica Italiana

Mentre l’Italia è alla canna del gas !…

13 OTTOBRE 2013

Fazio-Brunetta, scintille sui compensi Rai di Fazio: 5.4 milioni di euro fino al 2017

13 OTTOBRE 2013

Renzi: ”Nessuna lesa maestà se si critica il presidente della Repubblica”

13 OTTOBRE 2013

Alitalia, Renzi: “Lo Stato non versi un centesimo per gli azionisti”

14 OTTOBRE 2013

Quagliariello: “Via libera all’amnistia? Allora si applichi anche a Berlusconi”

Chiedete a un disoccupato, senza più in cassa integrazione, cosa pensa e cosa c’è dietro queste notizie!…

 

Come ci hanno deindustrializzato!

Nino Galloni (il funzionario oscuro che fece paura al Cancelliere Helmut Kohl!) racconta come il nostro Paese sia andato a puttane, con nomi e cognomi dei suoi “accompagnatori”

Grand commis d’etat, ha vissuto il miracolo economico dell’Italia che nei successivi anni ’70 avrebbe superato l’Inghilterra, avvicinandosi alla Francia, e in grado di dare fastidio alla Germania!

Il ’78 è l’anno di maggiore crescita, ma anche l’anno del rapimento di Aldo Moro!

Negli anni precedenti c’erano già stati segnali contro “sistema italia”, l’omicidio di Enrico Mattei….per avere pestato i piedi alle Sette Sorelle !

Aldo Moro era amico degli Arabi moderati, quindi, non era amato da Israele, dagli Arabi estremisti, dalla Russia (che non voleva un Partito Comunista Italiano al Governo) e dagli stessi americani, preoccupati dei….carri armati sovietici!

Vi sono ampie testimonianze su Kissinger che aveva esplicitamente previsto la morte di Aldo Moro!……                                                                                                                                             Le Brigate Rosse che lo rapirono non facevano parte dello storico manipolo comunista di Curcio, ma di quegli altri, fortemente collegati con i Servizi deviati sia americani che israeliani…..con evidenze oramai incontrovertibili!

Nel 1981 “divorzio” tra la Banca d’Italia ed il Ministero del Tesoro che ha portato il Debito Pubblico ai livelli attuali!

Passata la linea euro-estremista e per niente amichevole del Governatore Carlo Azelio Ciampi, il Ministro del Tesoro Beniamino Andreatta ed il Segretario della Democrazia Cristiana Ciriaco De Mita, giustificavano come estrema ratio l’avere rinunciato alla Sovranità Monetaria, per riuscire, finalmente, ad impedire ulteriori intrallazzi da parte di alcuni politici DC e socialisti, inibendo così allo Stato di potere fare investimenti produttivi.

Tuttavia, l’irresponsabile rinuncia della Sovranità monetaria è stato un vero e proprio boomerang, essendo stato improvvidamente tolto ossigeno vitale alle molteplici aziende IRI, i gioielli dello Stato, costretti da quel momento in poi ad un inevitabile inesorabile declino per la mancanza di necessari indispensabili investimenti volti a migliorarne le prestazioni ed  i prodotti !…

La perdita della Sovranità Monetaria è stata determinante per l’indebolimento economico e la deindustrializzazione dell’Italia, asservita di fatto alle mire di Mitterand e di Helmut Kohl compagnucci di merenda nel disegno di realizzare l’Unione Europea e scaricare su di essa gli altissimi costi della riunificazione tedesca, circa1.500 miliardi di Euro!…..

Riunificazione questa, ovviamente, non vista di buon grado da Giulio Andreotti, tanto che quando glielo rimproveravano rispondeva testualmente: “Amo talmente la Germania da volerne addirittura due”.

Il periodo successivo, molto più grave, va dalla fine degli anni ’80 fino agli anni ’92 in poi, quello delle privatizzazioni ad opera di Mario Draghi, Giuliano Amato e , Carlo Azelio Ciampi, etc…etc…

L’allora Ministro del Tesoro, Beniamino Andreatta, in occasione del citato “divorzio”, con una informale lettera aveva concesso alla Banca d’Italia la stessa identica facoltà riconosciuta alla Banca d’Inghilterra, nel potere anche non trattenere in portafoglio (nei loro forzieri) i Titoli di Stato invenduti, poco appetibili per il basso tasso di interesse offerto!

Naturalmente, nell’interesse del Paese, questa facoltà non doveva tassativamente diventare operativa, infatti, la Banca d’Inghilterra non si era mai sognata di farlo, sempre pronta e disponibile com’era agli interessi del proprio paese, acquistando a spron battuto i Titoli invenduti e stampando a go go tutte le sterline necessarie al Governo del paese!……

Diversamente dalla Banca d’Inghilterra, Carlo Azelio Ciampi volle applicare rigidamente questa facoltà imprudentemente concessa da Andreatta e da quel momento in poi, rifiutandosi di acquistarli, i Titoli invenduti rimanevano su mercato fino a quando i loro interessi sempre piu’ alti non facevano gola ai quegli speculatori disponibili a comprarli………

A seguito degli stratosferici interessi costretti a pagare, per la mancata collaborazione della Banca d’Itaia, negli anni successivi il Debito Pubblico del nostro Paese si è più che raddoppiato!

Indipendentemente da tutto questo schifo, se l’Italia avesse mantenuto la sua Sovranità Monetaria se ne sarebbe bellamente fregata di sottostare agli ambigui umori del Governatore della BANCA D’iTALIA, il suo Debito Pubblico non si sarebbe raddoppiato, la sua economia sarebbe ancora florida come quella degli anni settanta e l’Europa con la Germania tutta, “ammiratori italiani” compresi, sarebbero andati…..a farsi benedire!

 

.

Il depistaggio informatico

Nei talk show politici, opinionisti e conduttori continuano a perder tempo sul “nulla”, discettandsulla ipoteticaa reazione della Merkel e dell’Europa nel caso l’Italia sforasse il limite del 3% per rifinanziare la ripresa della sua moribonda economia, oppure dove e come trovare le risorse per ripagare il Debito Pubblico!…

Questi illustri opinionisti, naturalmente, evitano attentamente di chiedersi come potrebbero gli Stati Uniti America ripagare il loro astronomico Debito Pubblico di16 trilion idi dollari!…… Ignorando, evidentemente che debiti di questa entità si pagano con altri debiti, all’infinito!

Continue reading “Il depistaggio informatico” »

La verità viene sempre a galla

La verità’ viene sempre a galla, inarrestabile ed in qualsiasi occasione!

L’aneddoto del grande Petrolini, che infastidito dall’invadente protagonismo di una spettatore gli grida:

”Guardi, io non ce l’ho con lei, ma con il suo vicino di sedia!…Per non avergli impedito di disturbare lo spettacolo”,

è servito ad Antonio Padellaro – giornalista di ispirazione di sinistra – per indirizzare il risentimento del popolo italiano non solo nei confronti di Silvio Berlusconi, ma anche verso la compiacente opposizione di Sinistra!

Nell’ultimo ventennio, è stata connivente e complice del Cavaliere consentendogli ogni destabilizzante iniziativa di governo a tutela dei suoi interessi personali, come del resto ammesso dall’Onorevole Luciano Violante in questo video: Continue reading “La verità viene sempre a galla” »

Depistaggio mediatico

Ecco la chiave per mettere in atto un perfetto DEPISTAGGIO MEDIATICO!…

Beppe Grillo ed altre star del cosiddetto antisistema (Stella, Travaglio, Chiare Lettere, etc…) potrebbero inconsapevolmente essere manovrati proprio da quel sistema, che li utilizzerebbe come contestatori del sistema proprio in funzione di valvola di sfogo!

Ascoltiamo in proposito Paolo Barnard…

 

Vergogna!

VERGOGNA, VERGOGNA, VERGOGNA!!!

Lampedusa, strage di migranti Lampedusa!

il sindaco denuncia : ”Incendio ignorato da tre pescherecci” per evitare all’equipaggio di essere indagato per “favoreggiamento alla immigrazione clandestina e condannati a pagare una multa di 15.000 Euro (quindicimila) per ogni persona salvata!

Uno schifo la Legge “Bossi-Fini” (tutto un programma!), che penalizza e quindi scoraggia qualsiasi iniziativa umanitaria a favore di gente, nostri fratelli, in procinto di morire affogati!…

Qualche cenno storico sulle disgrazie dell’Italia

L’ultimo default dell’Italia è del 3 settembre 1992 quando il presidente del Consiglio Amato annunciò in diretta televisiva la svalutazione della lira.

Svalutare una moneta che si controlla in cui è espresso il proprio Debito Pubblico equivale a ristrutturare il debito verso i creditori esteri.

Nel caso dell’Italia la svalutazione fu innescata dalla impossibilità di pagare gli interessi sul debito nel regime a cambi fissi del Sistema Monetario Europeo (SME). Continue reading “Qualche cenno storico sulle disgrazie dell’Italia” »

Per chi votare?

Questi tre schieramenti politici, alle ultime elezioni, hanno monopolizzato l’80% dei voti, pertanto, nel caso di una nuova tornata elettorale si presume che continueranno a polarizzare l’attenzione degli elettori.

Gli avversari di Berlusconi, lo ricorderanno come l’essenza del male, una iattura per l’Italia, ma non potranno addebitargli di avere privatizzato e svenduto ai marpioni della Goldman Sachs a prezzi irrisori le Aziende IRI, i gioielli di Stato che hanno permesso la ricostruzione del Paese dalle ceneri di una guerra perduta!

Gli avversari della Sinistra, la ricorderanno per essersi alternata nell’ultimo ventennio al Governo del Paese con Silvio Berlusconi, scambiandosi dei reciproci favori e permettendogli tra l’altro le Leggi ad Personam.

Gli avversari di Beppe Grillo, lo ricorderanno per non avere voluto partecipare ad un Governo con la Sinistra e avere optato per il tanto peggio, tanto meglio, lasciando il Paese alla canna del gas! Continue reading “Per chi votare?” »

Pares cum paribus facillime congregantur…

 

La destra e la sinistra da oltre un ventennio si alternano al governo del paese, scambiandosi reciproci favori, senza rinunciare al teatrino delle reciproche accuse e finte ostilità’.

Questo articolo, a firma Paolo Guzzanti, apparso il 28/09/2013 su “ilgiornale.it” della famiglia Berlusconi lo sottolinea ampiamente

Ma quante trame a casa Scalfari con Letta, Napolitano e Draghi

I garanti delle istituzioni politiche e finanziarie a cena dal profeta anti Cav. Sembra la riedizione del panfilo Britannia del ’92, dove si decise il crollo pilotato del Paese

Continue reading “Pares cum paribus facillime congregantur…” »