Archivio della categoria: Recensioni

IL REFERENDUM DEL SI E DEL NOOOO!….

Eugenio Scalfari annuncia il suo No al referendum se il Governo non modifica l’Italicum, una legge “pessima”

SCALFARI
Eugenio Scalfari verso il No al referendum del 4 dicembre.                                                                   Il fondatore di Repubblica scrive nel suo fondo domenicale di non essere ostile agli obiettivi che le riforme varate dal Governo di Matteo Renzi si prefigge, ma di non poter votare a favore di tali riforme se la legge elettorale resterà l’Italicum nella sua attuale formulazione, “malfatta o addirittura pessima”.

“Io non sono contrario al referendum per ciò che contiene e che in sostanza consiste nell’abolizione del bicameralismo perfetto.                                                                                               Esso esiste già in quasi tutti i Paesi democratici dell’Occidente, rappresenta un elemento a favore della stabilità governativa che non significa necessariamente autoritarismo: può significarlo però se la legge elettorale è fatta in modo da conferirgli questa fisionomia.       Ragion per cui mi sembra onesto dichiarare fin d’ora quale sarà il mio voto al referendum.         Se il Governo cambierà prima del 4 dicembre alcuni punti sostanziali della legge elettorale o quanto meno presenterà alla Camera e al Senato una legge elettorale adeguata che sarà poi approvata dopo il referendum, voterò Sì; se invece questo non avverrà o se eventuali modifiche a quella legge saranno di pura facciata, allora voterò No”.

Scalfari invita a votare nel merito delle riforme e non personalizzare quindi la consultazione sui favorevoli o contrari a Matteo Renzi.

Coloro che non vedono (o fanno finta di non vedere) la connessione che esiste tra un Parlamento monocamerale e l’attuale legge elettorale sono in malafede o capiscono ben poco di politica ed oppongono il renzismo all’antirenzismo, cioè la simpatia o l’antipatia verso l’attuale presidente del Consiglio in quanto uomo.                                                                                       Evidentemente questo è un modo sbagliato di pensare.                                                                         Ricordo a chi non lo sapesse o lo avesse dimenticato che Napoleone Bonaparte difese da capitano d’artiglieria dell’esercito francese (lui era stato fino ad allora di nazionalità corsa) il Direttorio termidoriano eletto dalla Convenzione dopo la caduta di Robespierre che aveva provocato la reazione di piazza dei giacobini.                                                                                 Questo avvenne nel 1795. Pochi anni dopo il 18 brumaio Napoleone decise di sciogliere il Direttorio, lo sostituì con il Consolato composto da tre Consoli due dei quali non contavano nulla e il terzo che era lui aveva tutti i poteri.                                                                                           Di fatto era l’inizio dell’impero che fu dopo un paio d’anni definito come tale.                                 Come vedete e già sapete gli umori cambiano secondo le circostanze sicché votare pro o contro deve riguardare soltanto il merito e non il nome di chi lo propone.

http://www.huffingtonpost.it/2016/10/09/eugenio-scalfari-referendum_n_12412922.html?1476000857&utm_hp_ref=italy

NO!… PESANTISSIMI.

MINORANZA DEM VERSO LO STRAPPO IN DIREZIONE – Bersani e Speranza contro la riforma unita all’Italicum: “Da Renzi solo chiacchiere, tempo scaduto”

IL “NIET” DI SCALFARI – “L’Italicum è pessimo, chi non vede una connessione con le riforme è ignorante o in malafede”

“Caro Renzi, discuti con i compagni del No o distruggerai il Pd” (BLOG di Enrico Rossi)

La minoranza dem è pronta allo strappo nella direzione Pd di lunedì.                                             Pier Luigi Bersani e Roberto Speranza guidano la pattuglia degli scontenti, di coloro che hanno ripetutamente chiesto una modifica dell’Italicum per poter dare il loro assenso a una riforma costituzionale che, combinata alla legge elettorale renziana, creerebbe un governo del capo. Oggi non si accontentano più di generiche promesse di modifica ed entrambi preannunciano il loro No al referendum del 4 dicembre.

Pier Luigi Bersani parla al Corriere della Sera e riduce in “chiacchiere” gli annunci di Renzi sulla legge elettorale.

“Riteneva l’Italicum ottimo e perfetto, tanto che lo approvò con la fiducia.                                        E ora non mi venga a dire che darà l’incarico a Zanda e Rosato di trovare un sistema migliore. Non mi si può raccontare che gli asini volano.                                                                                   Vediamo in direzione, ma io non mi aspetto nulla” […]                                                                           “In combinazione con la legge elettorale la riforma cambia radicalmente la forma di governo.   Si va verso il governo di un capo, che nomina sostanzialmente un Parlamento che decide tutto, anche con il 25% dei voti” […]                                                                                                                     “In tutta Europa si cercano sistemi in grado di rappresentare quel magma che c’è, e noi ci inventiamo il governo del capo?                                                                                                                 C’è da farsi il segno della croce.                                                                                                                     Nella legge elettorale bisogna metterci dentro un po’ di proporzionale, invece che prendere tutta altra strada per sapere alla sera del voto chi comanda”

Bersani si sente “trattato come un rottame” da Renzi e non risponde direttamente alla domanda sull’ipotesi di scissione nel Pd.

“Noi abbiamo cercato di salvare il salvabile, ma a volte trattenersi è molto difficile.                         E anche adesso dico quel che dico perché un pezzo del nostro popolo non vada via, restando vittima di cattivi pensieri.                                                                                                                        Non puoi sempre farti vedere con Marchionne e Polegato”

L’ex segretario chiede al Pd un cambio di rotta.

“Al congresso sosterrò la tesi che non si può tenere assieme segretario e premier.                         Vorrei che il Pd si accorgesse dei rischi, separasse le funzioni e mettesse questo gesto a disposizione di un campo largo di centrosinistra” […]                                                             “Qualcuno sta rompendo i ponti con la tradizione convinto di prendere i voti della destra, ma non ci metto la firma su una prospettiva così.                                                                                          Se passa il Sì, temo che Renzi prenda l’abbrivio e vada dritto con l’Italicum.                                       Ma non sono disposto a mettere in mano il sistema a quella roba inquietante che sento venir su dal profondo del Paese” […]                                                                                                                            “A turbarmi non è Grillo ma l’insorgenza di una nuova destra in formazione, aggressiva, non liberale, protezionista, che, da Trump a Orbán, cerca le sue fortune”.

Roberto Speranza parla alla Repubblica e lancia un nuovo ultimatum a Matteo Renzi in vista della direzione Pd, dicendo che “il tempo è scaduto” e senza concrete iniziative sulla legge elettorale, dalla minoranza dem arriveranno dei No al referendum costituzionale.

“Il tempo è finito.                                                                                                                               Parteciperò alla direzione e ascolterò con attenzione come sempre.                                                   Ma non sono disponibile a nuove meline e mediazioni al ribasso, si poteva fare molto per rimediare l’errore della legge elettorale, dell’Italicum.                                                                             Lo chiediamo da mesi, appellandoci al dialogo.                                                                                     Purtroppo non si è fatto nulla.                                                                                                                     Con l’Italicum, il nostro voto è No” […]                                                                                                   “La direzione è l’ultima possibilità.                                                                                                           Però non per annunci generici: il governo e la sua maggioranza hanno prodotto il disastro dell’Italicum, ora senza una loro vera iniziativa ogni mossa e invito al Parlamento, è una perdita di tempo”

Speranza non intende però uscire dal partito.

“Io non lascerò mai il Pd e il Pd non si dividerà dopo il referendum.                                                 Ma non neghiamo la realtà, una parte significativa degli elettori del centrosinistra è già sul No. Sono nostri elettori.                                                                                                                                         E c’è un quel pezzo della comunità dem che purtroppo si sente già fuori dal Pd.                             In questi mesi si è diviso il paese.                                                                                                               Siamo di fronte alla più lunga campagna elettorale della storia repubblicana, con toni spesso sopra le righe.                                                                                                                                               Vanno abbassati.                                                                                                                                           La prima responsabilità tocca al premier, gli consiglierei di parlare un po’ meno di D’Alema e un po’ di più dei problemi del paese.                                                                                                                È diventato un dalemologo”.

http://www.huffingtonpost.it/2016/10/09/bersani-speranza-referendum_n_12412886.html?utm_hp_ref=italy

IL COMITATO DEL NO DELUSO DA MATTARELLA

Alessandro Pace, presidente Comitato per il No al referendum: “Appello a Sergio Mattarella caduto nel vuoto. Perché?”

Un appello caduto nel vuoto.                                                                                                                  Uno di quei silenzi che si usa definire “assordanti”.                                                                      Perché il comitato del No, quello presieduto dal professor Alessandro Pace che ha come presidente onorario Gustavo Zagrebelsky, si aspettava da Sergio Mattarella “almeno una parola”, un cenno di risposta.                                                                                                                       E invece niente.                                                                                                                                               Nel mese di luglio, quando la lunga rincorsa della campagna referendaria era già iniziata, avevano scritto una lettera al presidente della Repubblica per chiedergli di far “valere la sua autorità” perché ci fosse un riequilibrio informativo.                                                                   “Chiedevamo – spiega Pace – che ci desse un aiuto perché fossimo trattati alla pari.                   Invece non c’è stato nessun intervento, e questo ci dispiace”.                                                                Più volte in queste settimane, dai partiti che si sono schierati contro il ddl Boschi, il nome del capo dello Stato è stato tirato in ballo.                                                                                                         Ma per il presidente del Comitato dei professori c’è una ragione ben precisa per la quale un intervento di Mattarella sarebbe stato più che auspicabile.

“Fin quando la Costituzione non verrà modificata – afferma Pace all’Huffpost – questa è la Carta di cui lui è garante e quindi coloro che la difendono meritano di essere trattati con imparzialità. In secondo luogo, questa revisione costituzionale è illegittima perché come tutti sanno è stata avviata contro la sentenza numero uno del 2014 della Corte Costituzionale relativa all’incostituzionalità del Porcellum.                                                                                                         Con queste premesse, è stato un azzardo iniziare un processo di revisione costituzionale da parte del Governo.                                                                                                                                           La maggioranza è ‘drogata’, il risultato è viziato alla base.                                                               Quantomeno sotto questo aspetto, Mattarella dovrebbe avere un occhio di riguardo verso chi difende la legalità”.

Ma in pratica cosa vi aspettavate che facesse il presidente?
Guardi, ci saremmo accontentati di una mezza frase, qualche minimo accenno così come quando ultimamente è intervenuto dopo le parole dell’ambasciatore americano Phillips, ricordando che sono gli italiani a dover decidere.                                                                           Quella breve frase ha avuto un grande effetto, basterebbe qualcosa del genere.                             Da quando è cominciata la campagna referendaria, io per esempio, avrò avuto 100 secondi di spazio sulla tv pubblica.                                                                                                                             Poteva dire che la Rai dovrebbe dare degli spazi ai difensori del No e invece da marzo noi vediamo solo il Sì in tutte le salse.

Voi avevate provato a chiedere anche un incontro, vero?
Sì, è vero.                                                                                                                                                 Magari fosse successo, ma non speravamo così tanto.                                                                         Io credo sia giusto sottolineare anche un altro aspetto: stando ai sondaggi, almeno il 50% dei cittadini se non di più è favorevole al No e di questo Mattarella deve pur tenere conto.              Lui è il garante di tutti.

A proposito, il presidente della Repubblica è stato chiamato in causa anche per la formulazione del quesito referendario, ma il Quirinale si è chiamato fuori. Pensa che invece sarebbe dovuto intervenire anche su quel punto?
Io avevo posto il problema di insistere perché vi fosse uno spacchettamento dei quesiti.             La maggioranza degli studiosi è a favore della mia tesi, e cioè che le revisioni dovrebbero essere sottoposte a giudizio con domande puntuali e omogenee.                                                                     Però c’è una parte minoritaria, ma comunque consistente, che ritiene legittimo sottoporre più argomenti in un unico quesito.                                                                                                                   In questo caso, la vera furbata di Renzi è stata infilare il tema del contenimento delle spese che non è, al pari delle altre, una materia, ma una conseguenza.                                                                  Io però penso che chi poteva intervenire su questo erano i presidenti delle Camere, non direi il Quirinale.

Uno dei momenti in cui le vostre ragioni hanno avuto più risalto mediatico è stato il confronto tra Zagrebelsky e Renzi su La7. Che impressione ne ha ricavato?
Come ha detto Zagrebelsky, Renzi è stato un anguilla.                                                                             Io dico che d’ora in poi i professori si devono scontrare con i professori e i politici con i politici. Un professore intellettualmente onesto non sostiene tesi di cui non è convinto, il politico invece è capace di tutto.                                                                                                                                         Basti pensare alle banalità e alle castronerie che ha detto il premier: sosteneva che era legittimo il voto indiretto del Senato.                                                                                                                         Leopoldo Elia diceva che non si può parlare di elettività indiretta in casi come questo, ma solo in quei sistemi con i grandi elettori, come in America e Francia. Questa versione è alla carlona, indiretta per modo di dire.

Lunedì presenterete le prossime iniziative. Avete cercato qualche grande sponsor, per esempio nel mondo della cultura o dello spettacolo? A favore del Sì, per esempio, si è schierato Benigni…
Ci saranno varie iniziative sul territorio e un grande evento a Roma dal 13 al 15 ottobre con manifestazioni, lezioni di diritto costituzionale e altro.                                                               Quanto agli intellettuali, per la verità noi ne abbiamo avuto più di uno sin dall’inizio, penso a Dario Fo o Piergiorgio Odifreddi.                                                                                                                 Una lista che loro non hanno mai avuto.                                                                                                     E poi, dalla nostra parte sono schierati 10 ex presidenti e 10 ex vice presidenti della Corte costituzionale.                                                                                                                                           Loro hanno soltanto Sabino Cassese.                                                                                                         È uno contro 20 e poi, anche se è stato un ottimo giudice costituzionale, non è un costituzionalista, ma un amministrativista.

file:///home/piero/Scrivania/comitato-no-referendum-appello-a-mattarella_n_12400372.html

Svelato il segreto di Romano Prodi: la soffiata disintegra Matteo Renzi, verso il “no” al referendu

http://www.liberoquotidiano.it/news/politica/11986747/romano-prodi-dagospia-vota-no-referendum.html

Romano Prodi fa i capricci: no a domande sul referendum (perché ha un segreto)

A rivelarci un segretuccio, o presunto tale, di Romano Prodi ci pensaDagospia.                                               L’ex premier – e questo è un dato di fatto – rifiuta di rilasciare dichiarazioni sul referendum a giornali, quotidiani e televisioni.                                                                                                                                                Si fa vivo spesso, anzi spessissimo, ma parla soltanto di economia, banche, Europa, Libia, euro ed immigrazione.                                                                                                                                                                Il motivo di questo silenzio? Presto detto: lui e la sua famiglia avrebbero deciso di votare No, ma per motivi di opportunità il Mortadella non si vuole sbilanciare.                                                                                 Reale convinzione o una vendetta per i “101” armati da Renzi che lo impallinarono nella corsa al Quirinale?                                                                                                                                                                     Infine, aggiunge sempre Dago: “Pare anche che Renzi lo stia tormentando per schierarlo a favore del sì ma che lui sia irremovibile. Per questo accetta interviste ma solo a patto di non ricevere domande sul tema”.

Marino, l’accusa devastante a Renzi: “Cos’ha fatto. E cosa farò io adesso”

Ignazio Marino

 

Abusi, scontrini, spese pazze: niente di tutto ciò, Ignazio Marino è stato assolto.                             Cadono tutte le accuse. Per il tribunale “il fatto non sussiste”.                                                               E se l’ex sindaco di Roma si gode la rivincita, chi si preoccupa è Matteo Renzi: l’assoluzione, infatti, si è rapidissimamente trasformata in un nuovo guaio per quel premier che di fatto scaricò l’ex primo cittadino capitolino.

Non a caso, in un’intervista a Repubblica, Marino picchia duro proprio su Renzi.                         “Non ho davvero nulla da dire a Renzi – premette -.                                                                           Solo che sono sbigottito, come tutti i romani, per quello che è accaduto a Roma.                             La cosa peggiore che può capitare a una città è che qualcuno ne determini l’instabilità.

E purtroppo Roma dall’estate del 2015 vive in una grande instabilità amministrativa”, dietro alla quale, questo il sottotesto, ci sarebbe la mano di Renzi, il premier che “non mi ha chiamato” dopo l’assoluzione.

Ma i guai, per il premier, non terminano qui. Marino, infatti, vuole gustarsi a fondo la sua vendetta.                                                                                                                                                       Ed è in questo contesto e con queste motivazioni che l’ex sindaco potrebbe tornare subito ad impegnarsi in politica, fianco a fianco con Massimo D’Alema (uno tra i primissimi a telefonargli dopo l’assoluzione) nella campagna per il “no” al referendum.                                       Ogni iniziativa del sindaco, infatti, ora è legata alla campagna anti-referendaria.                           Un nuovo nemico per il premier, dunque.                                                                                                 E infine, l’ultima idea del “Marziano”: potrebbe anche chiedere i danni al Pd, un partito sul quale ha promesso già mesi fa di rivelare “retroscena scottanti” relativi a ciò che accadde a Roma.

Altre nubi dense si addensano sopra Palazzo Chigi.

Becchi: ai poteri forti serve un nuovo governo. Il motivo? Terrificante

Becchi: ai poteri forti serve un nuovo governo. Il motivo? Terrificante

Tutto cominciò cinque anni fa alla Leopolda quando sul palcoscenico della stazione ferroviaria di Firenze si affacciava quello che all’epoca era considerato poco più di un giovanotto rampante e piuttosto arrogante, uno di quelli con la parlata svelta ma che non si preoccupa troppo di quello che dice.                                                                                                                                       Matteo Renzi esordiva così nella politica italiana, parlando della necessità di una rottamazione della vecchia classe dirigente del Pd, incapace di interpretare al meglio i cambiamenti del futuro e ormai troppo legata ad un passato fatto di effigi e simboli che non appartengono più alla sinistra moderna. Dentro il Pd, non fu accolto bene.

D’Alema, Marini e Bersani non hanno mai visto con favore l’avvento di questo giovane spregiudicato e arrampicatore, ma hanno ingoiato il rospo della sua ascesa perché così era stato deciso dai piani alti dell’Europa e di Washington.                                                                         Quando Renzi venne scelto come sostituto di Enrico Letta, l’intera stampa italiana e internazionale si schierò tutta come un sol uomo a favore dell’ex sindaco di Firenze.                     La presenza del rottamatore nei media era bulimica, e invadeva tutti gli spazi delle principali reti nazionali a ogni ora del giorno.      

Confindustria e De Benedetti ne decantavano le lodi, vedevano nella sua figura l’uomo che avrebbe una volta per tutte infranto quei tabù che tutti i governi precedenti non avevano osato sfidare.                                                                                                                                                             È stato così per la riforma dell’articolo 18, un passaggio storico che ha inferto un duro colpo al già provato edificio dello Stato sociale e ha concesso un potere ancora maggiore al grande capitale dell’industria italiana.

Nessuno era riuscito in questo, né i vecchi ex compagni di una volta come D’Alema avrebbero potuto riuscirci.                                                                                                                                               Il motivo è apparentemente intuitivo quanto semplice: per approvare delle riforme del genere occorreva costruire un logos di novità, di immagine giovane e fresca di cui la classe dirigente del Pd era del tutto priva.                                                                                                                                     I media hanno contribuito e alimentato quel logos falso e artificiale per permettere di descrivere le riforme renziane come un enorme passo in avanti per la società italiana, quando esse rappresentano un salto all’indietro di 60 anni, azzerando decenni di conquiste e lotte sindacali.

Da qui la fiducia in bianco al rottamatore da tutti gli ambienti che contano: dalla finanza anglosassone per mezzo del Financial Times, dalla cancelliera Angela Merkel che vedeva in Renzi una garanzia che l’Italia non violasse il teorema dell’austerità e rimanesse ben salda all’euro, fino alle istituzioni europee sicure che il Belpaese nelle mani del governo Renzi non fosse più una minaccia per la stabilità dell’UE.                                                                                     Ora l’idillio sembra essere finito.                                                                                                               La Commissione Europea solamente pochi mesi fa ha descritto Renzi come un personaggio «inaffidabile», l’ingegner De Benedetti si schiera per il No al referendum e il Financial Times condanna la riforma costituzionale definendola come «un ponte verso il nulla».

Dunque il potere attrattivo dell’uomo nuovo sembra esaurito, gli ambienti un tempo di casa lo considerano ora un ospite indesiderato al quale va mostrata l’uscita per fare spazio ad altri invitati più graditi.                                                                                                                                           Se dunque gli sponsor di Renzi gli voltano le spalle, e preferiscono schierarsi apertamente per il No al referendum, appare evidente che l’intenzione è quella di provocare un cambio nella politica italiana.

Sebbene le riforme costituzionali siano state pensate principalmente per dare ancora più potere alle istituzioni europee e abrogare il titolo V (ultimo ostacolo per le privatizzazioni delle municipalizzate ancora in mano agli enti locali) i poteri esteri e italiani preferiscono adesso votare No per favorire così una probabile crisi di governo i cui esiti porteranno a tutto tranne che a elezioni anticipate.

Negli anni passati il Quirinale ha sempre rimandato l’opzione delle urne, viste come fonte di instabilità dai mercati. e ha preferito sempre cercare una soluzione per mantenere in vita la legislatura.                                                                                                                                                         Da Monti in poi, è stato impedito ai cittadini italiani di potersi esprimere nel nome di logiche sovranazionali che chiedevano la prosecuzione delle legislature, così da mantenere inalterato lo status quo e guadagnare terreno sullo smantellamento dello Stato sociale italiano.

Ora però per continuare su quel cammino è necessario un altro cambio perché il tempo di Renzi è finito.                                                                                                                                                   E il referendum pare quasi diventato lo strumento migliore per dare il benservito a Renzi.             In caso di un’eventuale sconfitta al referendum farà di tutto per restare al suo posto ma non ci riuscirà.                                                                                                                                                             È molto più probabile l’entrata in scena di un governo tecnico o di larghe intese: in entrambi i casi sarebbero approvate altre «riforme» che il premier precedente governo non aveva la forza di approvare.  

Il cammino degli ultimi 5 anni è stato così, si designa un premier dall’esterno e si giustifica la sua ascesa con la situazione interna di emergenza indotta.                                                                           Una volta che lo scopo è stato raggiunto e occorre passare alla fase successiva, gli si dà il benservito e si passa al nuovo personaggio da sostenere, che può essere anche un vecchio riciclato. Monti, Letta e Renzi sono saliti al potere con questo schema.                                           Chi verrà dopo di loro dovrà portare a termine il lavoro iniziato da questi.                          Svendere completamente gli asset più importanti dello Stato e aggredire il risparmio degli italiani.

di Paolo Becchi e Cesare Sacchetti

Confalonieri e il referendum:
«Oggi fa fino dire “io voto no”»

Il patron Mediaset: anche con la Dc nessuno ammetteva di sceglierla. E sottolinea che non basta modificare la Carta per far cambiare i dati dell’economia

di Francesco Verderami

(LaPresse)

È un modo per sottolineare che non basta una riforma del governo per far cambiare verso al Pil, se poi «nessuno rischia e non ha il coraggio di mettersi in gioco».                                                 È il senso di scoramento di chi non si lamenta per la propria azienda, «quest’anno la raccolta pubblicitaria va un po’ meglio», ma osserva lo scontro sulle previsioni di crescita nazionale attorno a qualche decimale.

Il segno dei tempi è il clima di incertezza che accresce per effetto della schizofrenia «sui dati dell’economia»: «Si drammatizza e si sdrammatizza tutto nel giro di poche ore. Al tg delle tredici siamo sull’orlo del default, al tg delle venti arriva il “contrordine”, non succede nulla». E sarà pur vero che la crisi globale ha provocato macerie, ma se l’Italia del dopoguerra seppe trasformarsi in potenza forse è perché allora non era «un Paese afflitto dai parassiti».             Né cercava capri espiatori: «L’Europa, per esempio…

Nell’attesa di sentirsi dare sul referendum la risposta che già conoscono, gli ospiti che Confalonieri riceve nella sede del Biscione a Roma vengono coinvolti in una discussione sul «Malaussène» dell’era contemporanea, su quell’entità con sede a Bruxelles a cui si attribuiscono anche colpe che non ha: «E io, sia chiaro, non penso sia sbagliato criticare l’Unione, per gli errori, le omissioni e pure — vogliamo dirlo? — per certe storie poco chiare che hanno coinvolto persino dei commissari europei.                                                                      A posteriori si capiscono molte cose…                                                                                             Ma vogliamo davvero sbaraccare tutto?».

L’ordalia che attraversa il Vecchio Continente fa tornare alla mente del patron di Mediaset «certe immagini» che pensava fossero sepolte, «perché da bambino ho visto la guerra.                 E se non ne ho vista un’altra è grazie alla costruzione di una nuova Europa.                               L’Europa ci ha salvato da altri conflitti, ha debellato gli “ismi” del secolo breve.                 Sentire adesso certi commenti, sentir dire con superficialità che la Brexit è stata un bene e che è giunto il momento anche per noi di fare la stessa cosa, è da irresponsabili.                                 Ma scherziamo?».

Lentamente si scorge l’ordito del ragionamento, si intuisce che Confalonieri sta rispondendo alla domanda.                                                                                                                                     E soprattutto si capisce come il braccio destro di Berlusconi da anni stia sfruttando l’accusa di essere un lobbista per proteggersi: «Ma io sono un lobbista», ripete ogni volta.                           In realtà è un alibi.                                                                                                                           Un lobbista non avrebbe mai detto — a suo tempo — che Berlusconi sbagliava a togliere la fiducia al governo Letta, non si sarebbe speso per consigliare al Cavaliere di dare il suo sostegno all’elezione di Mattarella al Quirinale, né avrebbe tifato (continuando a farlo) per il patto del Nazareno.

.Certo, «Renzi sarà anche un ganassa e tutto questo può dar fastidio», ma ciò non gli fa cambiare idea sul referendum e non lo dissuade dal convincimento che serva un’intesa tra le forze del popolarismo e del socialismo europeo in Italia nel contesto della crisi globale, con tutti gli «ismi» che girano per l’Europa.                                                                                   Raccontano che gli scappi spesso un sorriso la mattina, quando legge che le sue posizioni sono mosse da un puro spirito aziendalista.                                                                                               Che è un pezzo di verità, ma non tutta la verità: «Se qualcuno scrive che faccio politica, giuro che lo querelo».

 

L’alibi regge. E gli consente di fare ciò che sostiene di non fare. Appena si rende conto di aver estenuato i suoi interlocutori, che nel frattempo hanno perso ogni speranza di ascoltare la risposta alla loro domanda, Confalonieri decide di rispondere. Con una serie di domande: «Ma quelli che stanno in Parlamento sono davvero convinti che vinca il No al referendum? Sono sicuri dei sondaggi che danno Renzi per perdente? E lei che idea si è fatto?».

 

L’effetto disorientamento sull’ospite è riuscito. E il capo del Biscione — aggrappandosi alla sua «esperienza» — si mette a ricordare di «quando in Italia c’era la Dc e sembrava che nessuno la votasse.                                                                                                                     Infatti nei sondaggi era data sempre bassissima.                                                                          Poi si aprivano le urne e… Magari mi sbaglio, ma penso che sul referendum oggi faccia fino dire “io voto No”».                                                                                                                             Ecco la risposta alla fatidica domanda.                                                                                         Più chiaro di così…

 

Bruxelles spinge sul Sì. C’è l’aiutino dall’Europa sulla flessibilità dei conti

Moscovici apre all’ipotesi di sforare il 4% sul rapporto deficit/Pil “per sisma e terrorismo”

Di aperture di credito all’Italia da parte della Commissione europea ultimamente se ne vedevano poche.

In anticipo rispetto ai tempi prefissati, pochissime. Giustificate apertamente dalla «minaccia populista» che incombe sul Belpaese, nessuna.                                                                                   Per questo ieri l’uscita del commissario europeo agli Affari economici Pierre Moscovici ha avuto la risonanza dei grandi annunci ed è stata subito interpretata come un assist esplicito a Matteo Renzi, alle prese con un referendum che potrebbe anche amplificare le difficoltà delle istituzioni Ue.

La Commissione europea, ha spiegato il politico francese, apre alla flessibilità e si dice «pronta a considerare le spese per la crisi di rifugiati o un terremoto o un Paese che soffre attacchi terroristici». Riferimento al Belgio e all’Italia.

Comprensibile quello alla crisi dei migranti e alla sicurezza, visto che Moscovici stava parlando all’Atlantic Council a Washington.                                                                                                         Meno scontato quello al terremoto, che porta diritto all’Italia e alla richiesta di avere, nel complesso, margini di spesa aggiuntivi del 4% del Pil.

Esclusa molto preso la possibilità di ottenere la flessibilità regolare, prevista dai patti, quella per investimenti e riforme, il governo ha richiesto quella legata a due emergenze che sotto gli occhi di tutti.                                                                                                                                                             A Bruxelles non tutti sono d’accordo a concedercela e negli ultimi giorni l’ipotesi più credibile era quella di riconoscerci solo cinque miliardi per il terremoto.                                                         Ma l’uscita di Moscovici, prima dell’esame della Legge di Bilancio e mentre sono ancora forti i dubbi di Bruxelles sui conti della nuova versione del Def, chiude i giochi.

L’esecutivo Ue ha deciso di accontentare l’Italia, con un tempismo più che sospetto, visto che la legge di Bilancio sarà l’ultimo atto importante prima del referendum confermativo sulla riforma Costituzionale del ministro Boschi.

Sempre ieri, Moscovici ha detto che in Italia «c’è una minaccia populista» e che proprio per questo «sosteniamo gli sforzi del presidente del Consiglio Matteo Renzi affinché sia un partner forte».

Manca un «votate Sì», ma il messaggio è chiaro, così come il sostegno a Renzi: «Siamo fiduciosi che l’Italia, come sempre, risolverà i suoi problemi».

Concessione arrivata, con tutte le prudenze del caso.                                                                   «Queste flessibilità sono precise, limitate e chiaramente spiegate», ha precisato Moscovici.         «Un Paese deve rispettare i criteri e ridurre il debito, è il principale problema di Italia e Belgio».

Tutto fa pensare che, una volta archiviato il referendum, sui voti dell’Europa all’Italia torneranno a pesare i veti dei tedeschi, la cui campagna elettorale durerà ancora a lungo, e sarà fatta in parte anche a spese del Belpaese.

Il governo per il momento è alle prese con le ulteriori limature alla nota di aggiornamento del Def, a causa della bocciatura di fatto del documento da parte dell’Ufficio parlamentare di bilancio guidato da Giuseppe Pisauro.                                                                                                 Lavori avanzati anche sulla legge di Bilancio che dovrà essere presentata entro il 15 ottobre.

Il premier Renzi sta pensando a un colpo di teatro, una misura da inserire nella legge per dare un po’ di colore ad una «finanziaria» che rischia di passare alla storia come quella delle misure insufficienti per la crescita.                                                                                                                       Una misura stile 80 euro, da presentare last minute, tenendo all’oscuro tutti, persino i ministri competenti.

Recensione: LA GRANDE GUERRA di Mario Monicelli (1959)

la grande guerraFilm attualissimo, incardinato su due mostri sacri, Alberto Sordi e Vittorio Gassman che impersonano rispettivamente un soldato romano ed uno milanese; entrambi indaffarati ad evitare la guerra, piuttosto che a farla, ma nella circostanza il regista Mario Monicelli non perde l’occasione di evidenziare con sapiente ironia alcune lacune caratteriali degli italiani!

Un vero capolavoro, che oltre a divertire riesce a far riflettere ed anche a commuovere!

Continue reading “Recensione: LA GRANDE GUERRA di Mario Monicelli (1959)” »